OK!Firenze

Aggressioni con spray urticante in centro ai danni di turisti

Già due episodi in pochi giorni. E' allarme.

  • 40
aggressioni con spray urticante aggressioni con spray urticante © Photo credit: theilr on Visualhunt
Font +:
Stampa Commenta

Nella notte tra sabato e domenica, tre giovani turisti americani, di cui due ragazze, sono state avvicinate da due extracomunitari e di lì a poc, uno dei due soggetti ha tentato invano di strappare una collanina al collo di una delle turiste.
Il tentativo non è andato a buon fine e la collanina è rimasta al collo della vittima che spaventatasi non poc, si è messa a urlare mettendo in fuga l’autore del fatto ed il secondo soggetto.
D’impulso gli amici della vittima hanno rincorso i due per le vie del centro storico fino ad arrivare in via degli Speziali, riuscendo a raggiungerli.

Per tutta risposta proprio colui che si era reso materialmente autore del tentativo di furto ha estratto dalla tasca una bomboletta di spray al peperoncino, nebulizzandolo in direzione del turista americano.
Quest’ultimo, momentaneamente accecato ha quindi mollato la presa, consentendo la fuga al ragazzo. Il secondo soggetto, invece, pur non direttamente responsabile né del tentativo di strappo né dell’uso dello spray al peperoncino, è stato trattenuto e consegnato ai Carabinieri del Nucleo Radiomobile, nel frattempo sopraggiunti che, al termine delle attività, lo hanno deferito in stato di libertà per il concorso nel reato di rapina, del quale dovrà ora rispondere all’A.G. fiorentina.

Alle 01.30 circa di lunedì notte in via Camillo Benso di Cavour, ancora due ignoti verosimilmente nordafricani, si sono avvicinati con un pretesto e hanno poi aggredito un 28enne messicano al volto con uno spray urticante, sfilandogli dalla tasca il portafoglio, contenente 20 euro contanti, documenti personali e 2 carte di pagamento.
La vittima, un turista che era intento a tornare al proprio b&b al momento dei fatti, è stata trasportata dal 118 presso il pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria nuova per le cure del caso. I Carabinieri della Stazione di Uffizi stanno ricostruendo la dinamica delittuosa, anche con l’ausilio della videosorveglianza.

Lascia un commento
stai rispondendo a