OK!Firenze

Per una ciclabile sicura dal Galluzzo a Firenze

"Bike to work", una biciclettata collettiva per andare insieme a lavoro.

  • 67
"Bike to work" "Bike to work" © NN
Font +:
Stampa Commenta

"Per una ciclabile sicura dal Galluzzo a Firenze." È questo il titolo e l'obiettivo del gruppo di residenti del Galluzzo e dintorni, che hanno organizzato il loro primo "Bike to work", una biciclettata collettiva per andare insieme a lavoro. Il gruppo è partito da Piazza Acciaioli alle ore 8, per arrivare in Piazza Tasso dove hanno presentato la loro iniziativa.

"La crescita della mobilità sostenibile ed elettrica è sotto gli occhi di tutti. Basti pensare che con una bici elettrica il centro di Firenze si raggiunge in soli 15 minuti, e che piccoli dislivelli sono ormai alla portata di tutti grazie alla pedalata assistita o ai monopattini. Riders e lavoratori delle consegne a domicilio sono continuamente all'opera, in qualunque ora del giorno”, spiega Vincenzo Calenzo, uno dei portavoce del gruppo. “Tante persone già pedalano lungo questo percorso o vorrebbero farlo. D’altra parte è altrettanto noto il livello di pericolosità del tratto interessato: grazie a ricerche web elementari si può ricostruire come negli ultimi venti anni siano morte per incidenti stradali in via Senese almeno 5 persone, spesso ciclisti.” (5 aprile 2003 un ciclista 82 anni, 4 agosto 2019 un motociclista, 18 anni, 10 luglio 2021 un ciclista, 66 anni e uno scooterista, 57 anni; 11 febbraio 2023 un ciclista, 82 anni).

“Per questo chiediamo la realizzazione di una pista ciclabile sicura su via Senese, almeno fino alla fine del cosiddetto "viale dei Benzinai" che dovrà proseguire almeno fino a Porta Romana. In alternativa allo scollinamento del San Gaggio - che può presentare difficoltà di larghezza della sede stradale nella parte più vicina al Piazzale di Porta Romana - si può realizzare la tratta restante interessando via Accursio, via Borgonovo, via Ximenes e il Viale del Poggio Imperiale” spiega Calenzo. “Chiediamo inoltre la progettazione di una pista ciclabile in sede propria nel tratto Porta Romana-Piazza Pier Vettori e in via provvisoria, il ripristino della segnaletica dell’attuale corsia ciclabile, ormai pressoché invisibile, e la sua colorazione in rosso, come fatto in alcune città italiane".

L'iniziativa, organizzata in collaborazione con FIAB Firenze Ciclabile, è partita da un gruppo whatsapp che ha raggiunto in poche ore tramite passaparola oltre 50 adesioni, e che continua a crescere. “Quando gli organizzatori si sono messi in contatto con noi abbiamo subito sostenuto l’iniziativa”, spiega Carducci di FIAB. "Chiediamo impegni chiari alle istituzioni, per dare a questo quadrante della città l'occasione di connettersi in maniera sostenibile e sicura sia in direzione centro storico, sia verso Bottai, Scandicci e Ponte a Ema. Per questo sosterremo ulteriori momenti di visibilità e approfondimento aperti a tutti"

Lascia un commento
stai rispondendo a