OK!Firenze

“Comunicazioni. Il linguaggio del colore”: Franco Santini Espone al Basolato fino al 19 novembre

La Sala del Basolato è attualmente la cornice di una straordinaria mostra d'arte intitolata “Comunicazioni....

Abbonati subito
  • 82
Un momento della presentazione Un momento della presentazione © Ufficio stampa - Comune di Fiesole
Font +:
Stampa Commenta

La Sala del Basolato è attualmente la cornice di una straordinaria mostra d'arte intitolata “Comunicazioni. Il linguaggio del colore”, curata dal Maestro Franco Santini. L'esposizione offre al pubblico la possibilità di immergersi nell'arte astratta del pittore, esplorando il connubio tra verità e comunicazione attraverso pennellate forti e opere imponenti.

Gli spettatori possono godere di questa esperienza unica fino al 19 novembre, con accesso gratuito durante gli orari di apertura. La mostra accoglie visitatori tutti i pomeriggi, dal lunedì al venerdì, dalle 14:00 alle 18:30, mentre il sabato e la domenica sono aperti dalle 10:00 alle 19:00.

Le opere esposte rappresentano una profonda riflessione sull'interplay tra verità e comunicazione. La pittura astratta di Santini cattura l'attenzione per le sue pennellate decise, mentre il curatore Giampaolo Trotta descrive queste opere come "muti schermi impazziti di televisori, smartphone o computer". Le tele di Santini diventano una sorta di finestra su riflessioni più ampie sull'uso dei media, sulla loro evoluzione e sulla loro influenza nella società moderna.

Franco Santini, originario di Borgo San Lorenzo, ha fatto il suo esordio artistico a Firenze negli anni '70. È il fondatore del "Gruppo A" insieme a Stefano Mariotti, e ha scritto il Manifesto del gruppo. Nel corso della sua carriera, ha partecipato a numerose mostre collettive e personali, ricevendo riconoscimenti prestigiosi. Il suo ultimo successo è stato il Premio nella sezione pittura alla "Biennale d'Arte Moderna di Firenze" nel 2017. La sua presenza nella rivista mensile "Arte" e nel catalogo d'arte moderna "Mondadori" (2017/2018) sottolinea ulteriormente il suo impatto significativo nel mondo dell'arte contemporanea.

Lascia un commento
stai rispondendo a