OK!Firenze

Il Derby italiano: una mostra di velocità ed eleganza

Abbonati subito
  • 45
Derby Derby © nc
Font +:
Stampa Commenta

L'ippica italiana vanta una tradizione ricca di emozioni e competizioni avvincenti, e uno degli eventi più prestigiosi che cattura l'attenzione di appassionati e scommettitori è il Derby Italiano. Si tratta di una delle gare più prestigiose dell'ippica, che mette alla prova la velocità, la resistenza e la destrezza dei cavalli partecipanti, diventando un appuntamento irrinunciabile per gli appassionati del mondo equestre.

Il derby italiano ha avuto origine nel 1884, quando si corse per la prima volta a Roma, presso l’ippodromo delle Capannelle. Da allora è diventato il simbolo delle corse e il sogno di tutti gli allevatori, proprietari, allenatori e fantini che vogliono entrare nella storia di questo sport. Alcune delle ultime edizioni si sono tenute all'Ippodromo del Visarno, dove solitamente vengono organizzati anche dei convegni sulla competizione.

Competizioni del derby italiano: trotto e galoppo

Il Derby Italiano si sviluppa in due diverse categorie: il trotto e il galoppo. Nel trotto, i cavalli si muovono con una andatura simmetrica e cadenzata, mantenendo sempre almeno una zampa a contatto con il terreno. Il galoppo, d'altra parte, è una andatura più veloce e dinamica, con i cavalli che si muovono con una successione di salti in cui tutte e quattro le zampe si staccano da terra.

Entrambe le discipline offrono spettacolo e adrenalina, catturando l'attenzione di una vasta audience che ama vedere i cavalli sfidarsi in un contesto competitivo. Vediamo nel dettaglio entrambe le gare presenti nel derby.

Derby di trotto - Si disputa su una distanza di 2100 metri, con partenza da fermo. La sua sede storica è l’ippodromo di Tor di Valle a Roma, dove si è corso dal 1960 al 2012. Dopo una parentesi a Napoli nel 2013 e il ritorno alle Capannelle dal 2014 al 2017, il derby italiano di trotto si è nuovamente spostato a Napoli nel 2018

Derby di galoppo - Si disputa su una distanza di 2200 metri (2400 metri fino al 2007), con partenza da lanciata. La sua sede storica è l’ippodromo delle Capannelle a Roma, dove si è corso dal 1884 al 2019, con l’eccezione del 2020, quando la corsa si è tenuta a Milano per motivi organizzativi

Il derby italiano come occasione per puntare sui cavalli

Il derby non è solo un'occasione per godere dello spettacolo dell'ippica, ma anche un momento eccitante per puntare sui cavalli nei siti di scommesse. In molte piattaforme online è possibile trovare sezioni dedicate all'ippica, con informazioni dettagliate su ogni partecipante, statistiche, quotazioni e molto altro.

Questi siti offrono un'esperienza interattiva che permette agli scommettitori di seguire l'andamento della gara in tempo reale e di piazzare scommesse durante lo svolgimento dell'evento.

Perché il derby è così importante?

Per gli appassionati di ippica, il derby è la corsa italiana più importante perché rappresenta il momento clou della stagione e il banco di prova per i migliori cavalli. Essendo una corsa selettiva e impegnativa, viene richiesto ai cavalli di dimostrare la loro qualità, la loro resistenza e la loro classe.

Si tratta di un evento storico e prestigioso, che ha visto trionfare cavalli entrati nella leggenda dell’ippica. Questo sentimento si percepisce nell’area di Firenze, una delle città italiane più legate all’ippica, soprattutto quando sono proprio gli ippodromi fiorentini ad ospitare il derby. È certamente uno spettacolo emozionante ed unico, che attira ogni anno migliaia di appassionati sugli ippodromi e davanti agli schermi.

Da dove deriva il nome “Derby d’Italia?”

Il termine "Derby d'Italia" associato all'ippica evoca un senso di prestigio e rivalità che si riflette nella storia e nella tradizione della competizione. Questa denominazione non è casuale; piuttosto, si radica nella profonda rivalità tra i cavalli partecipanti provenienti da diverse regioni italiane.

La competizione non si riduce ad una semplice gara ippica, è un affresco delle diverse scuole di addestramento e delle peculiarità delle varie regioni del paese. L’attesa e la sfida tra i cavalli del nord e del sud, del trotto e del galoppo, contribuisce a creare un clima che va ben oltre il semplice contesto sportivo.

Dove seguire il derby italiano in diretta

Seguire il Derby in diretta è un'esperienza entusiasmante per gli appassionati, e ci sono diverse opzioni per farlo. Le reti televisive specializzate nell'ippica trasmettono l'evento, offrendo commenti esperti, interviste e riprese mozzafiato delle gare. Non è da escludere la possibilità di guardare la competizione dal vivo quando si svolge all'ippodromo del Visarno, tuttavia è necessario riservare il proprio posto con largo anticipo.