OK!Firenze

"Firenze cambia" con il candidato sindaco civico Francesco Zini

Una lista nuova, popolare, civica, di Centro, lontana dai vecchi schieramenti politici. La visione di città del Professor Zini.

Abbonati subito
  • 523
Francesco Zini Francesco Zini © sito web
Font +:
Stampa Commenta

In attesa della conferma (di cui si vocifera da almeno un mese) che sarà l'ex direttore degli Uffizi Eike Smidth a rappresentare la coalizione del centro destra nelle prossime amministrative di giugno ecco che a sparagliare la scena e le posizioni partitiche arriva, a sorpresa, un professore.
Non è il tanto discuso Tomaso Montanari ma sempre dall'Università di Siena arriva il Professor Francesco Zini che carpendo il disimpegno di tanti da una politica urlata e lobbistica apre agli indecisi e agli astenuti con la sua proposta di lista civica autentica.
Nessun partito grande o piccolo dietro a lui, nessun trasformismo di qualche associazione di cittadini ma una scelta precisa e concreta per rispondere alle esigenze di "aria fresca dopo tanti anni di sterili polemiche, di una politica contrapposta e urlata" come si legge sul manifesto del suo movimento. 

Una lista nuova, popolare e civica, di Centro, lontana dai vecchi schieramenti politici, che sappia unire "concretezza" per la soluzione dei problemi e "visione del futuro" che imponga uno stile di politica “gentile”, non urlata ma decisa, determinata e molto chiara e impattante per la città.

Ma chi è il professore Francesco Zini?
Francesco Zini nato a Firenze il 25 Luglio 1976 nella zona di Campo di Marte. ha frequentato la scuola De Amicis, poi la Dino Compagni e il Liceo Scientifico Gramsci. Dopo la maturità è andato a Roma a fare l’Università nella facoltà di Giurisprudenza alla Lumsa, dove ha conosciuto il professore di Filosofia del Diritto con cui ha iniziato la carriera accademica di assistente, dottorato e assegnista. 
In tutto è stato dieci anni a Roma e ha frequentato molte scuole di formazione politica e conosciuto tante associazioni e realtà del terzo settore e del volontariato.
Si è sempre interessato di politica e di impegno civile. Nel frattempo, ha conosciuto sua moglie Irene (un’altra fiorentina a Roma) e insieme sono tornati a Firenze dove vivono con i loro 3 figli. 
Poi ha vinto il concorso da Ricercatore all’Università di Verona dove è stato per otto anni (da pendolare) e infine nel 2017 si è trasferito all’Università di Siena come Professore Associato di Filosofia del diritto e qui insegna filosofia politica e storia delle dottrine politiche:

"Sono tornato definitivamente nella mia amata e bellissima Toscana,- racconta -  ma questo “girovagare” per l’Italia mi ha permesso di conoscere tante realtà italiane con mentalità molto diverse e tanti modi di lavorare. Tornato a Firenze sono stato presidente dell’unione giuristi cattolici di Firenze e del Forum delle Associazioni Familiari toscane. A Firenze abbiamo proposto e realizzato due Scuole di Formazione Politica e civile con Polis Popolare. 
Mi piace conoscere, studiare, pensare e capire: insegno filosofia politica, biopolitica, bioetica, geopolitica e storia del pensiero politico. Ho scritto diversi libri e non amo le categorie. 
Prima di tutto guardo le persone. Amo lo sport e ho giocato a calcio nella Firenze Est e poi nella Settignanese, a tennis e infine ho smesso e siccome amavo l’acqua e il mare ho preso la patente nautica. Ho praticato arti marziali, amo la vela e ho avuto per tanti anni una barca a vela d’epoca con cui ho circumnavigato l’Italia nel 2003 da Lignano Sabbiadoro fino al porto antico di Genova. Non ho mai pregiudizi verso nessuno e cerco di far emergere i talenti di ciascuno e ascolto tutti, cercando di far esprimere il meglio da ciascuno..
In passato ho partecipato e studiato la politica e alla fine ho capito che la strada migliore era il CENTRO, la sintesi giusta. Odio chi odia e chi crea nemici per distruggerli. Chi ha paura della diversità e non si confronta, né dialoga. Alle medie ero già iscritto ad Amnesty International di Firenze e inviavo le lettere scritte a mano ai governanti di mezzo mondo per denunciare le ingiustizie e le violenze.
La politica non è una tifoseria, le questioni sono complesse e la verità spesso sta nel mezzo e va cercata con moderazione e serietà. 
Per questo cerchiamo di fare di Firenze un “laboratorio politico nazionale” e un fiore all’occhiello, un esempio e un modello per il futuro."


Il Professore lancia oggi la sua lista civica dal nome inequivocabile "Firenze Cambia" e lo fa presentando il suo manifesto che passa attraverso 5 macro temi che sono poi le 5 emergenze di Firenze.
1. Prendiamoci cura di Firenze
2. Amicizia / Famiglie / Natalità
3. Lavoro / Sviluppo Sostenibile/ Innovazione
4. Insicurezza / Degrado / Vivibilità
5. Ambiente / Inquinamento / Salute


Qualcuno potrebbe obiettare che non c'è niente di nuovo sotto il sole di Firenze perchè è noto che su questi temi si battaglierà tutta la campagna elettorale, ma di nuovo è la scelta di come interpretare i temi. 
Niente dettami dalle segreterie dei partiti nazionali, niente lobbismo da sostenere, ma civismo puro e autentico  con scelte che partano dal basso, ovvero dai cittadini tant'è che è aperta la partecipazione popolare alla scrittura del programma.
Zini è in ascolto e dopo l'esordio strappa applausi dello scorso giovedì alla Casa del Popolo del Galluzzo dov'è intervenuto sullo scottante tema del quattrocentesco Palazzo del Podestà che l'amministrazione sta destinando a residenza
il prossimo appuntamento è per  sabato 23 marzo dalle ore 16:00 alle ore 18:00dove nella  Sala Conferenze del Fuligno in via Faenza 48, insieme a rappresentanti della società, della cultura e dell'economia fiorentine racconterà "Firenze cambia. Una proposta per la città."

Per saperne di più: https://www.firenzecambia.eu

 

Lascia un commento
stai rispondendo a