OK!Firenze

Impuneta: l'assessore ai commercianti "Non ho tempo da perdere con mentecatti".

Voltiamo Pagina Impruneta chiede che il Sindaco riferisca in Consiglio Comunale e offre la sua solidarietà ai commercianti.

  • 33
Il sindaco Riccardo Lazzerini Il sindaco Riccardo Lazzerini © comune di Impruneta
Font +:
Stampa Commenta

Um poì di tensione si è instaurata tra i commercianti aderenti al CCN Il Pozzo e l'Amministrazione comunale di Impruneta, dopo una riunione avvenuta il 24 aprile scorso. In una lettera inviata al consiglio comunale lo scorso 29 aprile, i commercianti hanno denunciato alcuni episodi che definiscono come gravi e inaccettabili.

Secondo quanto riportato nella lettera, durante la riunione un membro della Giunta avrebbe pronunciato commenti poco opportuni, arrivando a definire velatamente disonesti i commercianti e a rivolgersi a loro con termini offensivi e minacciosi. Così in una nota Matteo Zoppini e Gabriele Franchi, Consiglieri comunali ad Impruneta per Voltiamo Pagina:

Lo scorso 29 aprile un nutrito gruppo di commercianti aderenti al CCN Il Pozzo ha inviato una lettera all’attenzione di tutto il consiglio comunale nella quale viene data notizia di alcuni gravi episodi che si sarebbero verificati durante una riunione, avvenuta il 24 aprile, tra i predetti commercianti di Impruneta e l’Amministrazione comunale.

I commercianti affermano che un membro della Giunta avrebbe dato seguito a “commenti poco opportuni”, con affermazioni di estrema gravità: tale Assessore avrebbe detto, in risposta alla richiesta di un maggior controllo della Polizia Municipale contro la sosta selvaggia, che “oltre ai vigili servirebbe anche la Finanza”, dando così loro – lo scrivono gli stessi commercianti – “velatamente di disonesti”; rispondendo alle testimonianze dei commercianti su un calo del fatturato dovuto alla nuova viabilità, l’Assessore avrebbe risposto con sarcasmo “si guarderanno i bilanci”, aggiungendo dopo “questi pensano solo ai soldi”.
Infine, lo stesso Assessore avrebbe pronunciato, riferendosi ai commercianti, la seguente gravissima frase: “ho altro da fare, non ho tempo da perdere con questi mentecatti”. 

Basiti e sconcertati da quanto appreso, abbiamo protocollato una domanda d’attualità rivolta al Sindaco per porre alcune semplici ma fondamentali domande. Lazzerini, che a quanto ci risulta era presente alla riunione, adesso deve assumersi le proprie responsabilità e riferire di fronte al consiglio comunale.
Deve spiegarci con chiarezza come sono andate le cose, senza cercare scappatoie o mistificazioni. Gli Assessori sono nomitati di fiducia dal Sindaco, dunque è il primo cittadino che deve rispondere del loro operato, specialmente in vicende come questa. 

Se l’Assessore si fosse rivolto ai commercianti di Impruneta con le offese e le minacce riportate nella lettera, si tratterebbe di un comportamento gravissimo e inaccettabile. Come già fatto, per altro, nelle comunicazione dell’ultimo Consiglio comunale, noi prendiamo le distanze nella maniera più assoluta possibile da questa violenza verbale da parte di un membro delle istituzioni. I commercianti, che tutti i giorni con dedizione e sacrifici si prodigano per lo sviluppo del territorio, dovrebbero essere tutelati e rispettati, non certo affossati e, financo, insultati e minacciati.

 

Lascia un commento
stai rispondendo a