OK!Firenze

Individuati i vandali del Corridoio Vasariano. Sono turisti tedeschi in vacanza. Ecco il video

Uno indossava ancora la maglietta che portava la notte mentre disegnava sul monumento. A immortalarlo sono state le telecamere di videosorveglianza.

  • 373
Un frame della videosorveglianza che è servita a identificare i due tedeschi Un frame della videosorveglianza che è servita a identificare i due tedeschi © Carabinieri
Font +:
Stampa Commenta

Grazie alla videosorveglianza i Carabinieri hanno individuato le due persone che la notte scorsa alle 5,20 della mattina avrebbero imbrattato il Corridoio Vasariano con una scritta inneggiante a una squadra di calcio tedesca militante in terza lega. I due in vacanza a Firenze, sono stati rintracciati in un appartamento in piazza della Signoria che ospitava altre nove persone.

Nell'ambito delle indagini avviate a seguito dell'imbrattamento del colonnato del corridoio vasariano, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Firenze e della Stazione Carabinieri Uffizi, analizzando più filmati di videosorveglianza, sono riusciti ad individuare due soggetti che, alle 5.20 di stamattina, hanno danneggiato l’importantissimo sito artistico. Gli stessi sono stati monitorati fino al loro ingresso all'interno di un'abitazione ubicata in piazza della Signoria.

I militari hanno quindi fatto accesso all'interno dell'abitazione rinvenendovi ben 11 giovani studenti di nazionalità tedesca, tutti nati tra il 2002 e il 2003. E’ stata effettuata una perquisizione nell’appartamento a esito della quale sono state trovate due bombolette di vernice spray del tipo usato per l'imbrattamento, oltre a parte dell'abbigliamento indossato dai due sospettati.

Secondo quanto appreso, dopo il foto-segnalamento, le impronte digitali saranno comparate con tracce rinvenute sulle bombolette spray.
In base ai rapporti dei Carabinieri, la procura nelle prossime ore aprirà un fascicolo per danneggiamento aggravato, reato che prevede la reclusione da sei mesi a 3 anni ma, allo stato dei fatti, non l'adozione di una misura cautelare.

 

 

Lascia un commento
stai rispondendo a