OK!Firenze

Crescente insicurezza a San Jacopino. Residenti esasperati dalla criminalità

Ennesimo grido dall'allarme dei cittadini.

  • 104
furti in casa furti in casa © Comitato cittadini Attivi San Jacopino
Font +:
Stampa Commenta

San Jacopino, un tranquillo quartiere di Firenze, è stato recentemente scosso da una serie di eventi criminali che hanno messo a dura prova la pazienza dei suoi abitanti. Nel corso dell'ultimo fine settimana, la zona è stata teatro di furti in appartamento e atti di vandalismo alle vetture parcheggiate, alimentando un senso di insicurezza crescente tra i cittadini.

Sabato scorso, un residente, rientrando a casa nel tardo pomeriggio, è stato testimone di uno spettacolo sconvolgente: l'interno del suo appartamento era stato completamente sottosopra. Ogni angolo della sua casa era stato devastato, e i danni erano incalcolabili.

Inoltre, in via Cassia, molti residenti hanno notato segni di effrazione sui portoni delle abitazioni e graffiti sui muri circostanti. Questi segni lasciano pochi dubbi sul fatto che bande criminali stiano effettuando "sopralluoghi" prima di compiere furti.

La crescente insicurezza ha portato i residenti a chiedersi cosa possano fare per proteggere le proprie case e i propri beni. Molti stanno considerando l'installazione di telecamere di sicurezza nelle proprie abitazioni, ma lamentano la carenza di sistemi di sorveglianza nel quartiere.

Le preoccupazioni si sono ulteriormente acuite nella notte tra sabato e domenica, quando diverse auto sono state vandalizzate e hanno subito danni ai finestrini. Le vetture parcheggiate lungo via Landini e via Benedetto Marcello sono state prese di mira, costringendo i proprietari a riparare i danni, spesso per la seconda o terza volta, con costi notevoli.

Un residente di via Benedetto Marcello, colpito per la seconda volta, ha espresso la sua frustrazione: "Non bastano trecento euro per le riparazioni, cercherò di farlo da solo per risparmiare un po'."

La situazione di insicurezza a San Jacopino è diventata insostenibile, e il quartiere è stato teatro di una serie di reati, tra cui furti, aggressioni, spaccio di droga, vandalismo e violazioni delle norme.

Simone Gianfaldoni, presidente del Comitato Cittadini Attivi San Jacopino, ha chiesto urgenti misure di sicurezza e prevenzione con controlli regolari. Ha sottolineato che gli anziani residenti hanno bisogno di maggiore sicurezza e che i commercianti subiscono ingenti perdite a causa di furti e danneggiamenti ai negozi.

L'appello è stato lanciato alle istituzioni, al governo cittadino e alle forze dell'ordine affinché intervengano tempestivamente per garantire la sicurezza e il benessere dei residenti di San Jacopino. La comunità non può più sopportare il dilagare della criminalità e auspica un cambiamento radicale per il quartiere.

Lascia un commento
stai rispondendo a