OK!Firenze

Le “Terre di Toscana” di Domenico Monteforte in mostra a Fiesole

Nella Sala del Basolato dal 24 settembre al 9 ottobre.

  • 35
Una delle opere in nostra a Fiesole Una delle opere in nostra a Fiesole © ufficio stampa
Font +:
Stampa Commenta

La Toscana svela i sui segreti e la sua poesia nella Sala del Basolato a Fiesole dal 24 settembre al 9 ottobre con la firma di uno dei più autorevoli maestri la cui pittura è un vero e proprio simbolo del “made in Tuscany”, Domenico Monteforte.

Infatti, dopo il successo delle recenti esposizioni al Refettorio Monastico di San Benedetto Po e a Villa Cuturi a Marina di Massa, Terre di Toscana, il tour pittorico, arriva in piazza Mino a Fiesole, per l’inaugurazione di sabato 24 settembre alle 16.30 alla presenza dell’Artista.
Trenta opere del maestro che ha portato la Toscana, la sua natura e la sua poesia, in tutto il mondo: dalla Cina a San Francisco, da Londra a Berlino.
La personale è a cura del professor Giammarco Puntelli ed è organizzata da Riccardo Nicoletti con il patrocinio del comune di Fiesole.

“Terre di Toscana” è un progetto espositivo che sta viaggiando nel nostro Paese e che sta riscuotendo sempre maggiore attenzione da parte della critica e del pubblico. Nel 2023 le mostre continueranno, occupando spazi espositivi
importanti in diverse città italiane.
Anche a Fiesole la possibilità di perdersi nella quiete del cuore e della memoria, in quei paesaggi firmati dal maestro che trascina il pubblico nei campi di ortensie, in mezzo alle spighe di grano, o nel lento ondeggiare di quelle fronde di pini marittimi che si affacciano sul mare.
Ed è così che le emozioni dalla tela arrivano copiose al nostro cuore, per suggerirci che la Toscana è ricchezza paesaggistica ed emozionale.
Monteforte è una firma internazionale dell’arte contemporanea, autore di vari cicli sia sulla tela che sulla carta, utilizzando spesso spartiti e poesie sui suoi temi preferiti, dalle rose ai casolari, ai campi.
Per Giammarco Puntelli, curatore della mostra, il maestro viene dalla straordinaria tradizione del paesaggio italiano, raccontando come nessuno quelle sensibilità passionali di un paesaggio toscano vissuto e scoperto come un visitatore nell’opera e amato come colui che ogni giorno si è nutrito dei suoi colori.
Il dipinto che è stato scelto come "cover" delle prime tappe espositive si intitola "Estate versiliese" e rappresenta un indimenticabile paesaggio dominato sullo sfondo dalle Alpi Apuane. L'opera misura cm 170 x 140 ed è realizzata su juta.

La mostra è visitabile fino a domenica 9 ottobre con i seguenti orari di apertura: martedì, giovedì, sabato e domenica
17.00 - 19.00.

Lascia un commento
stai rispondendo a