OK!Firenze

Il Ministro Lollobrigida in visita all’Accademia dei Georgofili

La sua presenza in città in occasione dei 100 anni del consorzio del Chianti Classico.

  • 21
Il Ministro Lollobrigida in visita ai Georgofili Il Ministro Lollobrigida in visita ai Georgofili © Accademia dei Georgofili
Font +:
Stampa Commenta

Francesco Lollobrigida, Ministro dell’Agricoltura della Sovranità alimentare e delle Foreste, oggi a Firenze per una serie di impegni istituzionali, ha voluto fare visita all’Accademia dei Georgofili, la più antica del mondo nel campo delle discipline agrarie.
Il Ministro è stato accolto con il suo staff, insieme al Sottosegretario Patrizio La Pietra e al deputato Giovanni Donzelli; il Presidente Massimo Vincenzini ha fatto da guida nella sede accademica, illustrando sia il patrimonio artistico che la storia dei Georgofili e la loro attività al giorno d’oggi.

Il Professor Vincenzini ha sottolineato particolarmente la disponibilità del corpo accademico, composto attualmente da oltre 1.100 membri con le più svariate specializzazioni nel settore agronomico e forestale, di mettersi a disposizione come referente scientifico per qualsiasi scelta politica in materia di agricoltura, in ottemperanza all’antico motto georgofilo “Prosperitati Publicae Augendae” (nell’interesse della prosperità pubblica).

Vincenzini è poi tornato a parlare del rilancio dell’Istituto Agronomico dell’Oltremare, non più operativo dal 2015, che ha rappresentato per oltre un secolo l’eccellenza nella ricerca in campo agricolo tropicale e sub tropicale.
Il Presidente dei Georgofili ha dichiarato che Firenze, grazie alla presenza dei Georgofili e di questa grande struttura di ricerca e formazione, potrebbe diventare un punto di riferimento nazionale per l’attuazione del Piano Mattei.
Il Ministro Lollobrigida sì è dimostrato interessato alle istanze proposte dal Presidente Vincenzini e ha firmato lo storico quaderno delle visite di personaggi illustri all’Accademia dei Georgofili, prima di proseguire negli impegni fiorentini.


 

Lascia un commento
stai rispondendo a