OK!Firenze

Centro di salute mentale a Montedomini. Nuova sede per migliorare l'assistenza psicologica a Firenze

Il complesso di Montedomini diventa ora il punto di riferimento principale per i pazienti più complessi, che richiedono trattamenti...

  • 24
Montedomini Montedomini © Fondazione Montedomini - Sito Ufficiale
Font +:
Stampa Commenta

Firenze, martedì 9 luglio 2024 - Da inizio mese, il Centro Salute Mentale dell’Unità Salute Mentale Adulti dei quartieri Q1 e Q3 di Firenze ha ufficialmente trasferito la propria sede nel complesso di via Montedomini, situato in viale Giovine Italia. Questo cambio coinvolge i due centri precedentemente ubicati a Santa Rosa per il quartiere 1 e Palagi per il quartiere 3.

Per gli utenti provenienti dalla struttura di viale Michelangelo, il centro presso Palagi continuerà a ospitare visite ambulatoriali mediche e psicologiche, disponibili sia al mattino che al pomeriggio. Inoltre, rimarrà attivo il Centro diurno, mantenendo così una presenza continua per i pazienti che necessitano di monitoraggio e supporto specialistico nel quartiere 3.

Il complesso di Montedomini diventa ora il punto di riferimento principale per i pazienti più complessi, che richiedono trattamenti terapeutici regolari e un'approccio multidisciplinare. Gli spazi al piano terra sono stati appositamente organizzati per garantire un ambiente accogliente e adeguato all'accoglienza dei pazienti.

Il Direttore della Salute Mentale Adulti di Firenze, Francesco Casamassima, ha sottolineato che sebbene il trasferimento possa rappresentare un cambiamento più significativo per gli utenti provenienti dal quartiere 1, con il passaggio da Santa Rosa a Montedomini, è importante considerare i vantaggi offerti dalla nuova struttura. Questi includono non solo ambienti migliorati ma anche la vicinanza al Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura presso Santa Maria Nuova.

Lo spostamento ha coinvolto tutte le figure professionali del Centro di Salute Mentale, compresi dirigenti medici, psicologi, infermieri, OSS, assistenti sociali, educatori e personale amministrativo, garantendo così una continuità e qualità nei servizi offerti agli utenti.

Lascia un commento
stai rispondendo a