OK!Firenze

Polizia di Stato. Conclusa con successo la decima edizione di "Una vita da social" a Firenze

Oggi a Firenze, ultima tappa della X edizione del progetto “Una vita da social”, la più ampia campagna di formazione itinerante della Polizia di Stato.

Abbonati subito
  • 44
Uno scatto della manifestazione Uno scatto della manifestazione © Ufficio stampa - Polizia di Stato di Firenze
Font +:
Stampa Commenta

Il truck del progetto “Una vita da Social” ha chiuso stamattina a Firenze la X edizione del progetto di formazione dedicato ai giovani, che, ormai dallo scorso anno scolastico, affronta il tema educativo “in Strada come in Rete”, attraverso il contributo della Polizia postale e di operatori della Polizia stradale.

L’obiettivo perseguito è quello di costruire, attraverso una capillare e costante attività di sensibilizzazione dei ragazzi, la necessaria consapevolezza sui gravi pericoli legati sia all’uso delle tecnologie digitali sia alla circolazione stradale.

Quest’anno ha visto anche la partecipazione dei referenti territoriali dell’Osservatorio per la Sicurezza Contro gli Atti Discriminatori del Ministero dell’Interno, che opera nell’ambito del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

L’iniziativa, con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione e del Merito, ha sempre attirato l’attenzione dei ragazzi e dei loro insegnanti, permettendo di coinvolgere oltre due milioni e mezzo di studenti su tutto il territorio nazionale.

Gli incontri hanno spesso costituito l’occasione per far emergere concrete situazioni di disagio personale, esperienze di emarginazione, discriminazione e cyberbullismo, oltre ad un gran numero di dubbi e difficoltà connessi all’uso della rete, favorendo interventi di supporto che si sono rivelati di grande aiuto per gli studenti, in ambito familiare e scolastico.

Gli operatori della Polizia postale hanno incontrato al Parco delle Cascine gli allievi delle scuole secondarie di I e di II grado ed i loro docenti, con i quali hanno parlato di cyberbullismo, di adescamento online, di estorsione sessuale, nonché delle diverse fonti di rischio connesse all’uso delle piattaforme social e, più in generale, di Internet, anche con riferimento agli acquisiti e alle transazioni in rete, che sempre più spesso coinvolgono i giovani.

In parallelo, in un apposito stand attrezzato con dispositivi attraverso i quali è possibile simulare lo stato di alterazione dovuto all’assunzione di alcol e stupefacenti, la Polizia stradale ha sensibilizzato i ragazzi sull’estrema importanza di osservare le regole prudenziali e le disposizioni del Codice della strada, al fine di scongiurare il verificarsi di incidenti, che troppo spesso producono conseguenze tragiche. 

“Educare e sensibilizzare i giovani ad un uso responsabile della rete è il principale obiettivo della Campagna “Una Vita Social” – afferma il Questore della provincia di Firenze Maurizio Auriemma

La consapevolezza e la conoscenza dei rischi legati al mondo del web, infatti, è il più forte mezzo di prevenzione e contrasto contro i “cyber-crimini”.

Il costante rapporto di vicinanza tra la Polizia di Stato e le nuove generazioni, infatti, mira proprio all’informazione dei giovani, affiancata da un’adeguata formazione di coloro che, più di tutti, sfruttano le innumerevoli potenzialità del mondo virtuale.

È nostro dovere, dunque, fornire ai ragazzi tutti gli strumenti necessari per navigare in Internet in maniera sicura e responsabile”.

“La Polizia postale è quotidianamente impegnata su tutto il territorio nazionale in un’incessante opera di sensibilizzazione e di formazione dei più giovani, a partire già dalle scuole primarie, organizzando incontri con gli studenti, le loro famiglie ed i docenti, allo scopo di contribuire alla costruzione di una cultura condivisa della sicurezza in rete. La capacità di prevenire errori e rischi è lo strumento più importante da fornire ai ragazzi, rendendoli attori consapevoli e responsabili, capaci di proteggere se stessi e di utilizzare le indispensabili cautele nella pubblicazione di immagini, video e contenuti che coinvolgono e possono danneggiare, anche in modo irreparabile, giovani come loro. Assistiamo ad un notevole incremento dei reati informatici, perpetrati da soggetti capaci di sfruttare a proprio vantaggio le vulnerabilità altrui ed è per questo che bisogna investire ogni possibile risorsa nel rafforzamento della consapevolezza dei rischi che la rete può purtroppo celare, insegnando ai ragazzi cosa fare per difendersi meglio possibile - dice Lorena La Spina, Dirigente del Centro operativo per la Sicurezza Cibernetica della Polizia postale per la Toscana -.”

Negli ultimi anni si è assistito ad una crescita dell’uso della rete e al tempo stesso a un aumento vertiginoso della criminalità connessa all’utilizzo di internet – afferma Teresa Nobile, Dirigente del Compartimento Polizia stradale. 

Non meno rilevante si presenta il problema del comportamento su strada, sia alla guida sia in qualità di pedoni, spesso causa di incidenti. Una risposta efficace a questi preoccupanti fenomeni potrebbe risultare la conoscenza dei rischi del web così come delle regole della strada

Proprio con questa finalità , gli operatori della Specialità affiancheranno quelli della Postale nella campagna itinerante del truck per spiegare le norme di comportamento stradale e i fattori di rischio legati alla guida.

L’evento è stato impreziosito dalla partecipazione dell’attore Jonathan Canini, artista particolarmente sensibile al fenomeno del bullismo, che ha incontrato i ragazzi, affrontando con loro il tema dell’uso distorto della rete anche con gli strumenti dell’ironia e del paradosso. 

Lascia un commento
stai rispondendo a