OK!Firenze

Publiacqua, arriva Noa l'intelligenza artificiale al servizio degli utenti

Da oggi sarà presente all’Ufficio al Pubblico di via Accolti a Firenze.

  • 146
Noa, l'assistente digitale Publiacqua Noa, l'assistente digitale Publiacqua © Publiacqua
Font +:
Stampa Commenta

Si chiama Noa e da oggi sarà presente all’Ufficio al Pubblico di via Accolti a Firenze.  Tecnicamente la si può definire avatar, cioè la versione digitale di una persona in carne e ossa, e la sua funzione è quella di fornire informazioni sul servizio idrico.
Publiacqua investe ancora sulla tecnologia. MyPubliacqua, Sportello Digitale, Bolletta Digitale ed oggi Noa sono infatti strumenti di una medesima strategia che punta a garantire ad ognuno dei propri cittadini/utenti la facoltà di scegliere tra una pluralità di canali quello più smart, comodo o più vicino alle proprie abitudini o esigenze.

Noa deriva da una radice che significa movimento. Il nome è stato scelto appunto per simboleggiare la risorsa acqua ed il suo essere perennemente in movimento ma anche, nella seconda accezione che caratterizza l’avatar di Publiacqua, la capacità di Noa di imparare, di evolversi e quindi di cambiare non rimanendo ferma alla sua forma di partenza. Il nome Noa è stato scelto attraverso un contest aziendale a cui ha partecipato buona parte dei dipendenti dell’azienda.

Noa è la piattaforma di Intelligenza Artificiale (A.I) che permette di potenziare le strategie di interazione con gli utenti, rendendo possibili nuove forme di assistenza e dialogo, senza limiti di tempo e spazio, “combinando” il mondo dei servizi sul territorio ed online.

Oggi Noa è disponibile presso una postazione fissa, un totem con schermo touchscreen, presso l’Ufficio al Pubblico di Firenze (via Benedetto Accolti 23/a) e può fornire informazioni sulle principali pratiche commerciali e contrattuali, indicandoti anche la modulistica di cui eventualmente avrai necessità, sul canale di contatto più utile per ogni specifica richiesta e sui lavori attivi sul territorio.
Tutto ciò evitando code e attese. Nel mese di settembre Noa sarà disponibile, in via sperimentale, fino alle ore 18.00 e quindi dopo l’orario di chiusura dello sportello fisico.

Noa però non è solo, per così dire, “ingabbiata” in un totem. È possibile chiedere il suo aiuto e la sua assistenza anche sui principali canali social dell’azienda. Puoi avere l’aiuto di Noa sulla pagina Facebook, sul canale Telegram (ricercando Publiacqua_AssitenteDigitale) e su Whatsapp registrando nei tuoi contatti Publiacqua_AssitenteDigitale  con il numero 339-9908222 ) e successivamente sarà presente anche sul sito aziendale.

Un aiuto che, tra l‘altro, proprio sul totem e sul sito non avrà l’aspetto di una chat testuale ma quello di un avatar che potrà prendere empaticamente per mano il cittadino/utente fornendo le informazioni necessarie all’espletamento di pratiche più o meno complesse.   

Noa, però, è, come detto più sopra, un’assistente “dinamica”. Il suo punto di forza è la capacità di “imparare” e di poter acquisire nuove nozioni, nuove informazioni per essere sempre più utile ai cittadini.
Se oggi Noa è in grado di fornire informazioni a breve sarà in grado di accompagnare l’utente dall’inizio alla fine della sua pratica commerciale e di farlo su una pluralità di canali ed in più lingue, in modo da aiutare anche tutti coloro che conoscono poco l’italiano e si sentono magari più sicuri nello svolgere pratiche commerciali nella propria lingua.

“Con lo sviluppo della nuova assistente digitale Publiacqua si avvicina ulteriormente agli utenti garantendo la possibilità di accedere facilmente alle informazioni sulle pratiche commerciali – dice Nicola Perini, Presidente di Publiacqua - Un primo passo, il prossimo sarà consentire la possibilità di effettuare comodamente tutte le pratiche a distanza mantenendo, per tutti coloro che invece preferiscono il contatto con un operatore, i canali attualmente disponibili, gli uffici al pubblico, il call center ma anche la possibilità di parlare con un operatore tramite videochiamata al computer, tablet o smartphone. Ridurre la burocrazia e la distanza con i nostri utenti: obiettivi reali su cui muoviamo passi concreti”.

 

Lascia un commento
stai rispondendo a