OK!Firenze

Serve aiuto per l'Istituto delle Piccole Sorelle dei poveri

Il caro bollette mette in difficoltà queste e altre strutture simili. Servono azioni concrete per chi si prende cura dei nostri anziani.

  • 64
Anziani Anziani © Ok!News24
Font +:
Stampa Commenta

Credo molto al detto che una società civile la si riconosce dalla cura e dal rispetto che ha verso i suoi cittadini più fragili: bambini ed anziani ed è così che voglio alzare la voce su un problema di cui poco si parla in tempi di caro bollette.

Giusto parlare delle aziende in difficoltà perché da esse dipende l'economia stessa del paese, delle famiglie con i redditi più bassi che dovranno aggiungere plaid sui letti e maglioni addosso per difendersi dal lungo inverno ma poco, anzi niente, si è parlato fino ad oggi di quelle strutture che accolgono i nostri anziani e che devono fare i conti con bollette folli.

Prendo spunto da un post del sindaco Dario Nardella che sulla sua pagina social ha dedicato un post alla visita fatta nei giorni scorsi ad uno di questi istituti. 
Non solo politica nazionale al Nazareno per il lanciatissimo sindaco fiorentino a cui si prospetta un futuro di respiro nazionale nel duro impegno di ricostruire il Pd (o come si chiamerà) dalle sue ceneri, ma la conferma che è "sul pezzo" nella città che amministra.


Nei giorni scorsi Nardella si è fatto fotografare con un gruppo di amici dai capelli grigi e qualche acciacco ospiti dell' Istituto delle Piccole Sorelle dei poveri.
Teresa, Giacomo, Mauro e Giacinta hanno rappresentato a Nardella la loro vita che condividono con gli altri 70 ospiti della struttura.

Molti di loro non hanno famiglia e sono soli al mondo cercando di sopravvivere con pensioni vergognose da 200/300 euro al mese e non hanno vergogna a dire che se riescono a mettere insieme un pranzo con una cena è grazie alle sorelle e al personale civile della struttura che gli accudiscono con amore e quel calore che fa famiglia che mette malinconia nei loro occhi..

Il problema è che però a causa del caro bolletto oggi l’Istituto versa in condizioni molto difficili come purtroppo tante altre strutture analoghe sia pubbliche e private.

Il Sindaco chiude il suo post con un grido d'allarme e di speranza. Tutti noi dobbiamo prenderci cura dei nostri anziani. Verissimo, ma prima di tutto deve farlo lo stato che deve garantire ai nostri nonni dopo una lunga vita di sacrifici e lavoro un po' di dignità economica.

Perché gli ultimi governi in cui era maggioranza il partito di Dario Nardella non hanno provveduto ad aumentare queste loro pensioni vergognose?

 

Lascia un commento
stai rispondendo a