OK!Firenze

Signa, pedone investito. Morto in ospedale. Terzo investimento sulle strisce in pochi giorni

E' allarme per la catena di investimenti.

  • 56
Incidente mortale sulle strisce Incidente mortale sulle strisce © Foto di Manfred Richter da Pixabay
Font +:
Stampa Commenta

Dramma a Signa. Nella giornata di lunedì un uomo è stato investito da un’auto mentre attraversava via Roma, a Signa sulle strisce.

Inizialmente le sue condizioni, ai sanitari del 118 intervenuti non sembravano preoccupanti, ma Fabrizio Vanni di 65 anni, non ce l’ha fatta ed è morto in ospedale.

Sulla dinamica dell’incidente sono tutt'ora in corso gli accertamenti della polizia municipale di Signa.
Di certo c'è che erano da poco passate le 15 di lunedì quando il 65enne ha attraversato via Roma all’altezza di via Boncompagno da Signa, sulle strisce pedonali o in prossimità delle stesse. A investirlo è stata una Toyota Yaris che viaggiava in direzione Lastra a Signa.

L'impatto è stato violento e l’uomo è stato prontamente soccorso da alcuni passanti. In un primo momento le sue condizioni sono apparse discrete e la Misericordia che lo ha soccorso lo ha condotto all'ospedale Torregalli in condizioni stabili, ma successivamente la sua situazione clinica è peggiorata fino al decesso.

La notizia della tragedia si è subito diffusa in paese dove fra l’altro nei giorni scorsi ci sono stati due sinistri analoghi ma con esiti meno drammatici.

Sono infatti tre in pochi giorni le persone travolte da sabato scorso in via Livornese.

Il primo incidente si è verificato alle 19 nella zona di Tripetetolo dove due ragazzi di 33 e 31 anni, sono stati investiti mentre attraversavano. Uno dei due ha riportato ferite più lievi, ma l’altro è stato portato in ospedale in codice rosso .Neppure un’ora più tardi, a pochi metri di distanza, un 15enne è stato travolto da un’auto, ancora una volta in prossimità delle strisce. 

E' chiaro che ci sia un'allarme. Le strisce sono poco visibili? Le auto corrono troppo nel centro abitato?

Lascia un commento
stai rispondendo a