OK!Firenze

Vigili del fuoco in sciopero. Lotta per diritti e dignità professionale

Fra le motivazioni dello sciopero c’è l’inaccettabile ritardo nelle promozioni del personaleenei pagamenti degli scatti convenzionali

  • 267
Vigili del Fuoco - Immagini di repertorio Vigili del Fuoco - Immagini di repertorio © VVFF
Font +:
Stampa Commenta

Anche i Vigili del Fuoco di Firenze aderiscono allo sciopero nazionale di 4 ore proclamato dal sindacato Conapo per sabato 17 Febbraio 2024 dalle ore 9 alle ore 13. “Fra le motivazioni dello sciopero c’è l’inaccettabile ritardo nelle promozioni del personale e nei pagamenti degli scatti convenzionali per il quale chiediamo di anticiparei tempi per il futuro, la mancanza di notizie sulle date di assunzione di 654 unità del Corpo nazionale già da tempo autorizzate, il mancato adeguamento delle indennità per il lavoro notturno e festivo a quelle degli altri Corpi dello Stato che ricevono un trattamento ben 4 volte superiore al nostro, oltreché buoni pasto con valore ridicolo e non più sufficiente a garantire la consumazione della mensa di servizio da parte dei pompieri che devono prestare soccorso ai cittadini”, dichiara Riccardo Cenci, segretario provinciale del Conapo Firenze.

“Vi è poi il problema delle carriere degli specialisti aero naviganti, sommozzatori e nautici dei Vigili del Fuoco, bloccate da troppi anni e i cui nuclei operano con difficoltà crescenti. La componente telecomunicazioni del Corpo nazionale è sempre più bistrattata dalla nostra Amministrazione. Per non parlare del personale direttivo che attende di ricevere retribuzioni stanziate sin dal 2018. L’azione di sciopero – spiega CENCI - interesserà tutte le sedi del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, comprese le sedi portuali e aeroportuali. Per la provincia di Firenze sono interessati le sedi del Comando di Firenze (centrale e Firenze ovest) e i distaccamenti di Empoli, Castelfiorentino, Figline, Borgo San Lorenzo, San Casciano, Barberino di Mugello e Pontassieve. “Va detto – precisa il sindacato Conapo - che dopo la proclamazione dello stato di agitazioneda parte del Conapo, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha finalmente accolto alcune nostre richieste, bandendo il concorso Capo Squadra 2023 (in ritardo di 1 anno), decretando le promozioni a ruolo aperto (in ritardo di 1 anno), decretando gli scatti retributivi (in ritardo di 1anno) e regolamentando la ferie solidali (in ritardo di 2 anni) riconoscendo finalmente e con ritardo questo diritto ai colleghi con figli malati o disabili. Ma restano ancora tante, troppe criticità e troppi ritardi da risolvere.

I Vigili del Fuoco meritano più attenzione e non soluzioni in perenne ritardo. Per questo lo sciopero sarà una vera e propria richiesta di attenzione allo Stato da parte del Corpo più amato dagli italiani”. “I cittadini non dovranno temere disagi perché i Vigili del fuoco garantiranno comunque e sempre gli interventi di soccorso, il nostro è un grido di allarme verso chi al Ministero dell’Interno si dimentica troppo spesso della nostra categoria. Auspichiamo di ricevere la dovuta attenzione da parte del ministro dell’ interno Matteo Piantedosi e del sottosegretario con delega ai vigili del Fuoco Emanuele Prisco””, fa sapere il Conapo.

Lascia un commento
stai rispondendo a