villa-bardini-photo-stefano-casati

‘Io amo Firenze’: tre serate dedicate alla fiorentinità

Firenze
il 1 luglio 2020 alle ore 21:15

Sulla terrazza di Villa Bardini insieme alla Compagnia delle seggiole 1-2-4 luglio

Contatto press@fondazionecrfirenze.it

Indirizzo Terrazza di Villa Bardini Costa San Giorgio 2

Telefono 333 2284784

‘Io amo Firenze’: tre serate dedicate alla fiorentinità
villa-bardini-photo-stefano-casati © villa-bardini-photo-stefano-casati

Dai modi di dire alle espressioni, con tante curiosità e sfumature legate a Firenze. Si intitola ‘Io Amo Firenze, letture e situazioni “radiofoniche”’, lo spettacolo dedicato alla fiorentinità nella splendida cornice della terrazza di Villa Bardini. L’iniziativa si terrà 1-2-4 luglio, alle ore 21,15, ideata dalla Compagnia delle Seggiole, a cura di Sabrina Tinalli, in collaborazione con la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron. Lo spettacolo seguirà la tradizionale impostazione radiofonica della Compagnia delle Seggiole, per andare alla scoperta o riscoperta dei tanti aspetti della fiorentinità. Una parte della serata sarà anche dedicata a come i grandi, da Dante a Calamadrei, hanno descritto i fiorentini nel corso dei secoli.

Nata nel 1999 la Compagnia delle Seggiole riunisce un gruppo di attori provenienti da varie realtà toscane e di diversa formazione. Specializzata nel teatro di parola, preferisce mettere al centro della scena l’attore, circondato da scenografie scarne. Dal 2003 la Compagnia si è specializzata nelle cene con radiogialli, in particolare nella lettura dei “Radiogialli” di Ellery Queen da proporre al pubblico di commensali di diversi ristoranti toscani. E si specializza inoltre nelle visite-spettacolo, altrimenti chiamate “viaggi teatrali”, spettacoli scritti appositamente per i luoghi in cui vengono rappresentati. Fra gli altri numerosi successi: lo spettacolo dedicato al 50° dell’Alluvione di Firenze, “Sotto una gran piova d’acqua”, “I racconti del terrore - Mezzanotte a teatro con Edgar Allan Poe. Proposta unica in Italia, “Sao ke le Terre… piccola storia della lingua italiana”.