A Ponte a Greve arriva Olly, il primo box domotico per la raccolta oli esausti

La nuova speciale raccolta differenziata con un punto Olly che servirà i cittadini di Scandicci e del Quartiere 4

Ambiente
visibility461 - sabato 10 ottobre 2020
di Redazione
Più informazioni su
la carta elettronica per usare Olly
la carta elettronica per usare Olly © n.c.

E’ partita ieri venerdì 9 ottobre 2020 da Ponte a Greve la nuova modalità di raccolta degli oli vegetali esausti per gli utenti di Alia Servizi Ambientali SpA residenti nei comuni di Firenze e Scandicci.

Quello inaugurato alla presenza del Presidente di Eco.energy Furio Fabbri, del Presidente Commissione Territorio Quartiere 4 Andrea Perini e dell’Assessora all’Ambiente del Comune di Scandicci Barbara Lombardini, è un box innovativo per la raccolta oli destinato alla distribuzione, alla raccolta e al tracciamento del contenitore Olly.

Gli utenti potranno accedere alla struttura con la chiavetta elettronica in dotazione per il conferimento ai cassonetti con calotta di Alia, o con la Olly card. Il sistema è in grado di rilevare in tempo reale le attività di ogni singolo utente, lo status di conferimento dell’attrezzatura e le attività effettuate dall’operatore della raccolta, garantendo per ogni attività il monitoraggio in remoto e la gestione degli alert. Per richiedere la card è sufficiente compilare il form pubblicato al link http://olly.ecopuntoenergia.com/richiedi-olly/.

“La partenza da Ponte a Greve, oggi, è ‘un premio’ al territorio, visto che questo è il punto di raccolta più produttivo dell’area fiorentina, con circa 25 t/anno di rifiuto raccolto – ha commentato Domenico Scamardella, Direttore Territoriale Alia Servizi Ambientali SpA - Gli oli esausti, anche quelli domestici, sono un rifiuto molto impattante sull’ambiente; il conferimento errato negli scarichi delle nostre cucine oltre a danneggiare le fognature inquina falde acquifere e mare. È fondamentale, quindi, il loro corretto conferimento ed avvio a riciclo. Per questo Alia è impegnata ad incrementare le circa 400t./anno raccolte di oli alimentari esausti, ed aggiungerà, nei prossimi 2 anni, nuovi box innovativi sul territorio. In area fiorentina, oltre ai 40 punti di raccolta presenti, – ha concluso Scamardella - ne saranno installati altri 20; in area pratese sarà fatto il restyling di tutti i 42 box presenti così come in area pistoiese, dove sono 21 i punti attivi”.

L’incremento dei nuovi box domotici, presentato ieri, sarà complementare con la prossima diffusione del sistema Olly presso gli Ecocentri e gli ecofurgoni, dove gli utenti dei 58 comuni gestiti da Alia Servizi Ambientali potranno ritirare il contenitore pulito e successivamente riconsegnarlo pieno. In tutta l’area gestita la modalità di raccolta tenderà quindi ad essere uniforme.

"Il box domotico rappresenta il futuro prossimo della raccolta nelle città e iniziare proprio da Firenze, nell’ambito della cooperazione con Alia Servizi Ambientali SpA, con questo tipo di installazione, ci rende particolarmente orgogliosi - dichiara Furio Fabbri, presidente di Eco.Energy e Gorent spa - Ci tengo a sottolineare che il contributo che ogni cittadino può dare conferendo il proprio olio domestico è determinante per la salvaguardia dell’ambiente. Riciclandolo, facciamo addirittura un ulteriore grande passo avanti: trasformiamo un rifiuto in risorsa dato che nell’impianto di raffinazione di Vallina, nel comune di Bagno a Ripoli, dove Eco.Energy ha recentemente trasferito la sua sede, verrà avviato al recupero energetico, chiudendo il cerchio dell’economia circolare" conclude Fabbri.

“Accogliamo con grande entusiasmo l’installazione del nuovo box domotico “Olly” per la raccolta degli oli esausti, come importante e rinnovato strumento di economia circolare - ha commentato Andrea Perini, Presidente della Commissione Servizi al Territorio del Quartiere 4 -. Negli ultimi anni, infatti, è diventata sempre più impellente la ricerca di nuovi modelli di vita sostenibili, modelli che passano dall’impegno quotidiano di ciascuno di noi nelle piccole cose, come lo smaltire correttamente gli oli esausti. Siamo certi che le nostre comunità faranno buon uso di questo strumento, contribuendo così al riciclo ed alla non dispersione nell’ambiente di materiali di risulta altamente inquinanti e dannosi per l’ambiente”.

“Gli oli esausti sono rifiuti altamente inquinanti, per questo motivo assieme ad Alia Servizi Ambientali SpA facilitiamo il più possibile i cittadini che li conferiscono in una rete di raccolta sempre più diffusa nel territorio – ha detto l’assessora all’Ambiente, Barbara Lombardini –. Il nuovo sistema Olly al centro commerciale di Ponte a Greve è un’ottima notizia proprio per questo motivo: è automatizzato, è in un luogo molto frequentato dai cittadini di Scandicci e va a integrarsi con tutte le occasioni che già esistono nel nostro comune per il conferimento degli oli esausti, come gli ecofurgoni nei mercati rionali che ogni settimana sono presenti in tutti i sei quartieri. Noi però non ci accontentiamo, per questo motivo stiamo lavorando con la Sezione soci Coop di Scandicci e con altri centri commerciali sul nostro territorio per ampliare ancora la presenza dei punti Olly al servizio dei cittadini”.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il portale, www.aliaserviziambientali.it oppure contattare il call center, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30 e il sabato dalle 8.30 alle 14.30, con i tre numeri 800 888 333 (da rete fissa, gratuito) o 199 105 105 (da rete mobile, a pagamento, secondo i piani tariffari del proprio gestore), 0571.196 93 33 (da rete fissa e rete mobile) .

Lascia il tuo commento
commenti