Sesto Fiorentino. Nasce il bosco ciclabile contro i cambiamenti climatici

Si chiamerà "Jungle Bike" e sorgerà fra via Pozzi e viale Togliatti, Un bosco “ciclabile” di città per contrastare il cambiamento climatico.

Attualità
visibility2933 - lunedì 18 gennaio 2021
di Redazione
Più informazioni su
nasce il bosco ciclabile di città
nasce il bosco ciclabile di città © Amos G on Unsplash

Un bosco in città contro i cambiamenti climatici. Sorgerà tra via Pozzi e viale Togliatti il progetto “Sesto Jungle Bike”, presentato dal Comune di Sesto Fiorentino nell’ambito del bando regionale “Toscana Carbon Neutral”.

La proposta, che, se approvata, porterà a interventi per oltre 400mila euro, prevede la realizzazione di un bosco urbano e di una pista ciclabile in un’area a verde di oltre 23mila mq di proprietà comunale compresa all’interno del quadrilatero delimitato da viale Togliatti, via della Querciola, via Pozzi e dal Fosso di Cinta.
Il progetto permetterà anche di riqualificare i giardini pubblici attualmente esistenti nello stesso luogo, poco utilizzati poiché scarsamente ombreggiati ed attrezzati.

I nuovi alberi messi a dimora saranno 153 di tredici specie diverse, in prevalenza autoctone, scelte per le particolari capacità di abbattimento di anidride carbonica, polveri fini e diossido di azoto. I calcoli eseguiti in fase di progettazione hanno stimato in 113 le tonnellate di CO2 che il bosco riuscirà ad assorbire nell’arco di trent’anni.
Il bosco urbano sarà attraversato da un nuovo tratto di pista ciclabile che andrà a collegare e completare le piste già esistenti o in fase di realizzazione.

“Con questo progetto - spiega l'assessore all'Ambiente Silvia Bicchi - coniughiamo la forestazione urbana con la mobilità sostenibile, con un doppio beneficio per l’ambiente. Si tratta di un intervento molto importante sia del punto di vista della mobilità, poiché va a potenziare la rete ciclabile, sia dal punto di vista ambientale, poiché rappresenta, almeno per il nostro Comune, uno dei primi progetti specificamente finalizzati all’abbattimento delle emissioni climateranti con la scelta di essenze particolarmente efficienti nell’assorbimento degli inquinanti”.

“La proposta è attualmente al vaglio della Regione che dovrà valutare la concessione del finanziamento - precisa l'assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Kalmeta - Oltre a integrare e rafforzare la strategia complessiva di contenimento e riduzione degli impatti (ricordiamo le riqualificazioni degli spazi verdi, il lavoro sull'intermodalità che combina la ‘cura del ferro’ con la mobilità dolce) Sesto Jungle Bike rappresenta anche un importante intervento di riqualificazione urbana del quartiere Sud Ferrovia, senza ulteriore consumo di suolo ed attraverso la creazione di un bosco urbano quale esempio di infrastruttura green".

"Siamo fiduciosi - aggiunge Bicchi - circa l’esito del bando e la realizzazione di quello che non potrà che essere il primo di una serie di progetti analoghi. Anche se sparito dall’agenda - conclude - il cambiamento climatico continua ad essere la più grave minaccia per la sopravvivenza dell’umanità”.

Lascia il tuo commento
commenti