Sesto Fiorentino. Mobilità dolce, via libera al progetto definitivo della ciclabile Oliveta-Doccia

Il percorso ciclopedonale collegherà il Parco dell'Oliveta con via XX Settembre attraverso il Giardino dell'Anello.

Attualità
visibility80 - lunedì 03 maggio 2021
di Redazione
Più informazioni su
Pista ciclabile
Pista ciclabile © N.c.

La Giunta comunale di Sesto Fiorentino ha approvato il progetto definitivo del percorso ciclopedonale che collegherà il Parco dell'Oliveta con via XX Settembre attraverso il Giardino dell'Anello.
Il nuovo tratto si estenderà per circa 1,5 km e andrà a integrare la rete ciclopedonale esistente. La nuova pista risalirà da viale della Repubblica, attraverserà viale I Maggio per immettersi nel Giardino dell'Anello e poi nella spazio verde di via Grandi; da qui avverrà l'attraversamento di via Bassi e, attraverso un nuovo varco, sarà possibile raggiungere l'area del nido Alice, da dove la pista si ricongiungerà con viale XX Settembre.
Il progetto, dal valore complessivo di 325mila euro, sarà candidato al bando per la Rigenerazione Urbana promosso dal Governo col Dpcm del 21 gennaio 2021.

"Si tratta di un progetto importante di ricucitura dei percorsi esistenti in una zona strategica per il sistema di mobilità dolce della nostra città, con la creazione di un direttrice verso l'area di Doccia e le sue infrastrutture culturali, sportive e residenziali - afferma l'assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Kalmeta - Stiamo predisponendo tutti gli atti necessari alla partecipazione al bando per la Rigenerazione Urbana da cui contiamo di ottenere le risorse necessarie per l'intervento. Ancora una volta i nostri uffici tecnici e l'ufficio fund raising, nonostante la costante e intensa attività ordinaria, si sono dimostrati pronti ad accettare una ulteriore sfida, permettendoci di cogliere anche questa opportunità. A tutti loro va il mio ringraziamento. Data la qualità del progetto, siamo fiduciosi in un esisto positivo; in ogni caso si tratta dell'avvio di un percorso importante di valorizzazione e riqualificazione che contribuisce a potenziare la nostra strategia green di riduzione dell'impatto ambientale. Siamo quindi determinati a portare avanti la progettazione e la realizzazione dell'opera, individuando, se necessario, altre linee di finanziamento".
 

Lascia il tuo commento
commenti