Una discarica abusiva di 40 metri cubi scoperta a Campi Bisenzio

Scoperta dai Carabinieri Forestali un'attività di gestione illecita di rifiuti non pericolosi. Denunciato il proprietario del terreno e sequestrata l’area che fungeva da deposito

Attualità
visibility23 - sabato 24 ottobre 2020
di Redazione
Più informazioni su
La discarica scoperta a Campi Bisenzio
La discarica scoperta a Campi Bisenzio © Met

Sono stati i Carabinieri Forestali della Stazione di Ceppeto a individuare nel corso di un servizio di controllo del territorio, a San Piero a Ponti nel comune di Campi Bisenzio un’area recintata chiusa da un cancello ed utilizzata come deposito attrezzature e materiali edili ma fra essi erano numerosi scarichi di rifiuti riconducibili all’attività edilizia.

Dopo una prima indagine i militi hanno identificato il proprietario, rappresentate legale di una impresa edile, che, giunto sul posto, ha aperto l’accesso ai Forestali.

Nell’area erano stoccati rifiuti da demolizione, di cui alcuni risultavano essere stati riutilizzati in modo da costituire basi di appoggio, delle dimensioni di ventisei metri per cinque con un’altezza di circa quindici centimetri. I rifiuti in parte erano stati in parte spianati e in parte ancora disposti in cumuli.

Il sito si presentava come un’area di deposito incontrollato al suolo di rifiuti speciali non pericolosi, utilizzato come deposito intermedio di rifiuti provenienti dai cantieri dell’impresa e privo di ogni tracciabilità.

Le attività sono riconducibili alla gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi, in quanto svolta in assenza dell’obbligatoria autorizzazione, prevista dal Testo unico ambientale e in totale assenza di documenti di tracciabilità.
I militari procedevano quindi al sequestro penale preventivo sia dell’area che dei rifiuti in esso contenuti. Sequestro ritenuto opportuno al fine di impedire il proseguimento delle attività illecite poste in essere.

Lascia il tuo commento
commenti