Sanzioni inasprite e termine dell'emergenza. Ecco cosa ha detto (e spiegato) oggi Conte in diretta

Cronaca
visibility6 - martedì 24 marzo 2020
di Nicola Di Renzone
Più informazioni su
Il presidente del Consiglio Conte
Il presidente del Consiglio Conte © N.c.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è nuovamente intervenuto in diretta nazionale questo pomeriggio (martedì 24 marzo) per precisare alcune cose e smentirne altre che erano girate nella giornata di oggi. Nel suo intervento il presidente del Consiglio ha ricordato l'importanza degli strumenti usati fino ad ora (i Decreti, grazie alla loro flessibilità).

Tra le cose concrete citate da Conte l'inasprimento delle sanzioni per chi non rispetta la regole (da 400 a 3mila euro, mentre ha smentito la voce circolata del sequestro delle auto).

Inoltre Conte ha smentito anche un'altra voce circolata oggi (ossia il fatto che lo stato di emergenza debba durare fino al 31 luglio), spiegando che quel termine è quello inizialmente previsto in gennaio, quando è stato decretato lo stato di emergenza, mentre le misure potranno essere interrotte anche prima, se la situazione migliorerà.

Insomma, teniamo duro in attesa di migliori notizie.

Lascia il tuo commento
commenti