Novoli. Preso lo stalker del condominio: rendeva impossibile la vita a otto persone

Cronaca
visibility821 - martedì 29 settembre 2020
di Redazione
Più informazioni su
Via di Novoli
Via di Novoli © Street View

Ripetuti atti persecutori, molestie, minacce ma anche diffamazioni, calunnie, danneggiamenti e deturpamenti commessi dal giugno di quest’anno da un soggetto nei confronti di alcuni residenti dei quartieri Peretola e Novoli.

Messaggi minatori e telefonate moleste a tutte le ore del giorno, diffusione di volantini diffamatori per le vie di Peretola e realizzazione di scritte denigratorie sui muri degli edifici, disturbo del riposo suonando ripetutamente il campanello di casa, recapito di missive denigratorie con minacce di ogni genere, danneggiamenti di spazi condominiali e di un’autovettura con sostanza corrosiva e scritte sulle fiancate, deturpamenti di ogni tipo e addirittura, detrupamento della tomba della sua defunta compagna: vittime 8 persone, tra cui il medico di famiglia dei suoi anziani genitori, alcuni vicini di casa e altre persone che per un motivo o per un altro aveva avuto a che fare con lui. Le stesse persone che, ormai esasperate, hanno sporto denuncia presso la Stazione dei Carabinieri di Firenze Peretola che, con una minuziosa attività di ricostruzione dei fatti, attuata attraverso acquisizioni documentali, analisi di filmati di videosorveglianza delle zone interessate, escussione di persone informate sui fatti e individuazioni fotografiche, hanno individuato il responsabile in S.P., 54enne fiorentino pregiudicato, raccogliendo a suo carico il necessario materiale indiziario per corroborare una richiesta di misura cautelare che interrompesse questa scia di molestie che avrebbe potuto sfociare in eventi di ben più ampia portata.

Le risultanze investigative, rapportate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze, hanno consentito al Sostituto Procuratore titolare del fascicolo d’indagine, dott.ssa Beatrice Giunti, di inoltrare una richiesta di emissione di misura cautelare all'ufficio GIP (Dott. Piergiorgio Ponticelli), che ha emesso l'ordinanza del divieto di dimora nei Comuni di Firenze, Prato e Fiesole e del divieto di avvicinamento alle persone offese, subito eseguito nei confronti di S.P. che pertanto dovrà allontanarsi dai citati comuni e dalla persone offese. Sin dal suo allontanamento gli stessi militari, a tutela dei denuncianti, stanno sistematicamente verificando che la misura venga rispettata.

Lascia il tuo commento
commenti