Firenze, la green city che rende il pianeta migliore

In Vetrina
visibility45 - lunedì 19 ottobre 2020
di La Redazione
Sostenibilità
Sostenibilità © Tobias Weinhold

Questo 2020 ci sta regalando veramente una – brutta – sorpresa dopo l’altra, facendo grande onore alla diceria che gli anni bisestili sono sempre un po’ “particolari”. Ecco, se non ci siamo fatti abbattere finora da tutto ciò che è accaduto, raccogliamo le ultime forze che abbiamo, perché nei prossimi anni saremo costretti ad affrontare qualcosa di ancora più grande, ovvero il cambiamento climatico.

Nel dibattito sulla ripresa post-Covid di una vita più o meno normale, l’attenzione si è focalizzata sul ruolo delle città e il modello europeo della Green City. Proprio i centri urbani, dove vive più della metà della popolazione del Pianeta, saranno quelli che avranno una parte fondamentale per risolvere alcuni problemi a livello globale.

All’argomento è stata dedicata lo scorso luglio la 3^ Conferenza Nazionale delle Green City organizzata dal Green City Network, la rete promossa dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Al centro i temi che richiedono un nuovo protagonismo delle città: dalla decarbonizzazione all’economia circolare, alla mobilità sostenibile, alla digitalizzazione, alle infrastrutture verdi. Un programma di rigenerazione basato sul modello delle green city, città che hanno deciso di puntare sull’elevata qualità ecologica per assicurare resilienza e sostenibilità e che, ancora di più dopo questa pandemia, possono essere una leva decisiva del Green Deal in Italia.

In questa occasione è stata presentata una carta che propone 7 obiettivi strategici della rigenerazione urbana, secondo il modello delle green city:

  1. pianificazione urbana secondo una visione green;
  2. azzeramento del consumo di suolo che genera degrado;
  3. decarbonizzazione e impulso alle fonti rinnovabili;
  4. azioni per rendere le città più resilienti di fronte ai cambiamenti climatici;
  5. qualità urbana e riqualificazione degli spazi pubblici;
  6. qualità del patrimonio costruito migliorando l’efficienza energetica, l’uso dell’acqua, la gestione dei rifiuti;
  7. aumento delle infrastrutture verdi.

Alla Carta hanno aderito finora oltre 70 città italiane, tra cui Firenze.

A Firenze il Sistema Informativo del Verde Pubblico (SIVEP) consente di razionalizzare i processi informativi impiegati per la gestione del patrimonio verde del Comune di Firenze e della cintura fiorentina; tra i nuovi servizi digitali sviluppati per i cittadini vi è la Mappa del Verde tramite cui è possibile scoprire quanti, quali e come sono gli spazi verdi in città, il servizio Dona Un Albero che consente di donare un albero alla città dedicandolo a una persona cara, il servizio Un Albero per ogni Nato che garantisce la trasparenza della messa a dimora di un albero per ogni nuovo bambino registrato all’anagrafe, la Smart Irrigation, un sistema avviato nei due nuovi giardini della ex Officine Galileo e di Porta Leopolda dove sono stati installati irrigatori intelligenti connessi alla rete internet per rilevare le previsioni meteo e dotati di decine di sensori che misurano la temperatura e l’umidità del suolo allo scopo di “decidere”come e quando irrigare.

Vuoi provare, anche nel tuo piccolo, ad essere più green? Ecco qualche consiglio!

  1. risparmia più possibile l’acqua: sotto la doccia, mentre ti spazzoli i denti, mentre ti insaponi le mani, chiudi il rubinetto dell’acqua.
  2. Abbandona le plastiche monouso: al bando posate, bicchieri e piatti usa e getta!
  3. Ricicla tutto ciò che puoi e ripara ciò che è riparabile. Il discorso vale in particolare per gli elettrodomestici, il cui smaltimento è complicato e implica grandi emissioni di Co2. Se stai cercando assistenza e riparazione elettrodomestici a Firenze o in altri capoluoghi toscani puoi andare SulSIcuro.
  4. Cammina il più possibile e non utilizzare l’auto per tratte inferiori a 2km.