Volley

Scandicci gioca con cuore e determinazione, ma Conegliano vince la partita.

La Savino Del Bene Scandicci prova l'impresa ma l'Imoco Volley Conegliano è inarrestabile. Le ragazze di Scandicci escono dalla Champions League con la consapevolezza di essere una delle migliori otto squadre di Europa.

Volley
visibility54 - giovedì 04 marzo 2021
di Simone Melloni
Più informazioni su
L'esultanza della schiacciatrice dell'Imoco Volley Conegliano Miriam Sylla (17).
L'esultanza della schiacciatrice dell'Imoco Volley Conegliano Miriam Sylla (17). © Simone Melloni

Nell’andata di Quarti di Finale di Champions League la Savino Del Bene Scandicci ha dimostrato determinazione e spirito di squadra, ma tutto ciò non è bastato di fronte alla corazzata di Conegliano.

Nella tana delle “pantere” coach Barbolini dovrà fare affidamento a concentrazione, precisione e velocità, qualità che nell’ultimo incontro gli hanno permesso di mettere all’angolo le atlete dell’Imoco Volley Conegliano.

Un incontro che le ragazze di Scandicci devono vincere a tutti i costi per sognare l’accesso alle semifinali di Champions League.

La Savino Del Bene Scandicci passa alla fase successiva della manifestazione se riporta una vittoria per 0-3 oppure 1-3, mentre con un punteggio di 2-3 verrà disputato il “golden set” tra le due squadre.

 

Il coach dell’Imoco Volley Conegliano, Daniele Santarelli schiera:

  • Bozana Butigan (4)
  • Raphaela Folie (7)
  • Joanna Wolosz (14)
  • Kimberly Hill (15)
  • Miriam Sylla (17)
  • Paola Egonu (18)
  • il libero Monica De Gennaro (10).

 

Il coach della Savino del Bene Scandicci, Massimo Barbolini risponde alla formazione casalinga con:

  • Magdalena Stysiak (3)
  • Ofelia Malinov (4)
  • Mina Popovic (5)
  • Marina Lubian (9)
  • Elitsa Vasileva (14)
  • Megan Courtney (17)
  • e il libero Enrica Merlo (8).

 

Ottimo inizio per la Savino Del Bene Scandicci che, dopo un errore in attacco di Magdalena Stysiak (3), finalizza i punti successivi portandosi 1-4.

Ma il Palaverde è il terreno di caccia delle Pantere e nelle azioni successive, grazie alle pontenti schiacciate di Paola Egonu (18), recupera lo svantaggio e guadagna un +2 sul tabellone.

La partita si rende protagonista di un ping pong di possesso palla da una squadra a un’altra e di un punteggio sul tabellone in continua parità.

Giunti in prossimità dei punti finali del primo tempo, la schiacciatrice dell’Imoco Volley Conegliano Miriam Sylla (17) trova il vantaggio del +3, costringendo coach Massimo Barbolini a chiamare il suo primo time-out a disposizione.

Al termine dei trenta secondi non cambia la reazione della squadra ospite e sul punteggio di 22-18 l’allenatore della squadra di Scandicci richiede il suo secondo time-out.

La Savino Del Bene Scandicci prova il tutto per tutto, effettuando una sostituzione per far entrare in campo la schiacciatrice Elena Pietrini (7).

Ma la squadra di casa gioca di contrattacco, tattica che le permetterà di chiudere il primo set sul punteggio di 25-20.

 

Il secondo tempo è la fotocopia del primo con la squadra ospite che parte con determinazione e velocità, ma la squadra di casa risponde giocando ancora una volta in contrattacco e sfruttando gli errori delle avversarie.

Il punteggio rimane in continua parità fino a metà partita, momento della gara in cui l’Imoco Volley Conegliano riesce a prendere il largo con un lauto vantaggio.

Successivamente il trio Joanna Wolosz (14), Miriam Sylla (17) e Paola Egonu (18) chiudono il secondo set con il punteggio di 25-17.

 

Anche il terzo tempo è una continua lotta di supremazia tra le due squadre, che riescono mantenere inizialmente il punteggio in parità.

Magdalena Stysiak (3) gioca con prestanza e fisicità, Ofelia Malinov (4) dirige con astuzia la fase offensiva e Enrica Merlo (8) assicura un’ottima ricezione difensiva.

Ma alcuni errori permettono all’Imoco Volley Conegliano prende il vantaggio di +4.

Le ragazze di Scandicci vogliono vendere cara la pelle e sul punteggio di 19-18 costringono coach Daniele Santarelli a chiedere il primo time-out a disposizione.

Al termine dei trenta secondi le pantere ritrovano la propria determinazione per aumentare il proprio vantaggio a +2.

Massimo Barbolini non vuole cedere punti importanti e richiede il suo primo time-out, per richiamare alla pronta reazione le sue atlete.

Il punto successivo si renderà protagonista di una chiamata arbitrale “dubbia”, nella quale Magdalena Stysiak (3) avrebbe giocato la palla al di fuori delle aste di gioco.

La Savino Del Bene protesta con vivacità, ma non può richiedere il video check perché tale chiamata non è prevista nelle disposizioni di gara.

L’imoco Volley Conegliano finalizza i punti successivi, chiudendo il terzo sul punteggio di 25-20 e vincendo la partita 3-0.

Lascia il tuo commento
commenti