OK!Firenze

Un convegno per ricordare la figura di Beppe Matulli

nel Salone dei Duecento di Palazzo Vecchio 

  • 167
Giuseppe Matulli Giuseppe Matulli © NN
Font +:
Stampa Commenta

“Beppe Matulli 1938/2024 -  Un uomo a cavallo del millennio” - Un convegno per rendere omaggio a Giuseppe (Beppe) Matulli - scomparso lo scorso febbraio all’età di 85 anni – e ricordarlo in tutti i suoi aspetti: l’impegno politico, quello civile e sociale, quello per la formazione dei giovani. Mercoledì 8 maggio a Firenze lo Spi Cgil Toscana, il “Gruppo del tè”l’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea e la rivista Idee di Governoin collaborazione con il Comune di Firenze e con il patrocinio della Regione Toscana, ricordano la figura di Giuseppe Matulli attraverso il convegno “Beppe Matulli 1938/2024 Un uomo a cavallo del millennio”, che si terrà nel Salone dei Duecento di Palazzo Vecchio con inizio alle ore 10.00.

Matulli ha ricoperto incarichi istituzionali a livello locale, regionale e nazionale: Sindaco di Marradi, Consigliere regionale, Deputato e Sottosegretario, Vicesindaco di Firenze. Nella sua lunga carriera si è impegnato molto anche nel sociale a difesa dei più fragili ed ha avuto sempre un’attenzione sincera e partecipata verso le giovani generazioni. È stato presidente dell’Associazione Pantagruel per i diritti dei detenuti e Presidente dell’Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea

Il programma del convegno prevede: Saluti del Presidente della Regione Toscana, Relazione introduttiva La passione, la responsabilità, la lungimiranza. Per un profilo di Beppe Matulli” di Riccardo Saccenti,Testimonianze coordinate da Maria Cristina Carratù. Interventi: Silvia Costa (“La prospettiva politica”), Vannino Chiti (“Visione e governo del territorio”), Leonardo Domenici (“Matulli e Firenze”), Gianni Biagi (“Beppe e la necessità di partecipare”), Presidente del Quartiere 3 (“Formarsi per la politica”), Caterina Arciprete (“Formarsi per il lavoro”). Conclusioni del Sindaco di Firenze.

 

Lascia un commento
stai rispondendo a