OK!Firenze

La Gente delle Castagne. Un ponte tra generazioni attraverso la memoria

I racconti dei nonni rappresentano la memoria storica della famiglia e del territorio in cui hanno vissuto, incarnando le radici culturali...

  • 181
La gente delle castagne La gente delle castagne © Angelo Gambino
Font +:
Stampa Commenta

Il racconto delle storie del passato è un tesoro prezioso che permette alla comunità di riscoprire le proprie radici. In un'epoca in cui il tempo da dedicare all'ascolto è sempre più limitato, il documentario "La Gente delle Castagne" costruisce un ponte immaginario tra una generazione desiderosa di raccontare e una che ha voglia di ascoltare.

I racconti dei nonni rappresentano la memoria storica della famiglia e del territorio in cui hanno vissuto, incarnando le radici culturali e portando avanti le tradizioni di un luogo. "La Gente delle Castagne" nasce dall’esigenza dell’autore di conservare queste memorie, creando un affresco vivente delle tradizioni e della vita di un tempo.

Angelo Gambino, classe 1973, giornalista, fotografo e videomaker freelance, con sensibilità e attenzione ci guida attraverso le storie di infanzia delle persone intervistate. Il documentario ripercorre ricordi d'infanzia, usi e costumi di una volta, con la castagna come denominatore comune. Questo frutto prezioso del bosco è stato un alimento fondamentale per il sostentamento delle famiglie, e le sue storie sono profondamente radicate nella cultura della Valle del Santerno, nell'appennino tosco-romagnolo.

Attraverso le parole degli intervistati, Gambino ci aiuta a fissare nella memoria collettiva un periodo storico di grande importanza. Ogni racconto è un tassello che compone un quadro più ampio, un mosaico di tradizioni, sacrifici e momenti di vita che rischiavano di andare perduti nel vortice del tempo. Le storie di "La Gente delle Castagne" non solo evocano un passato fatto di semplicità e lavoro, ma anche di comunità e resilienza.

La valle del Santerno è raccontata attraverso le voci di chi ha vissuto le sue trasformazioni, dando vita a un documentario che è tanto un atto d'amore quanto un'opera di conservazione culturale. Le immagini e le testimonianze raccolte da Gambino non sono solo un viaggio nel tempo, ma un richiamo all'importanza di ascoltare e preservare le storie delle generazioni passate.

Il video a corredo di questo articolo vi porterà direttamente nei boschi di castagno, tra le persone che con passione e dedizione raccontano le loro storie.

 

 

Lascia un commento
stai rispondendo a