Impianti sportivi e caro bollette, Guccione incontra la sottosegretaria Vezzali

L'assessore: "Con il collega di Roma Onorato abbiamo affrontato un problema che mette a rischio tante realtà locali

Politica
visibility10 - mercoledì 12 gennaio 2022
di La Redazione
Più informazioni su
L'Assessore Guccione durante un sopralluogo
L'Assessore Guccione durante un sopralluogo © comune di Firenze

Un incontro per manifestare preoccupazione da un lato e chiedere aiuto dall’altro. Il tema è il tanto temuto caro bollette, che farà aumentare in maniera vertiginosa i costi delle utenze, luce e gas in particolare. Questa mattina gli assessori allo sport del Comune di Firenze Cosimo Guccione e quello del Comune di Roma Alessandro Onorato, in rappresentanza dei loro colleghi di Milano, Torino, Bologna, Napoli, Bari e Palermo, ne hanno discusso con la sottosegretaria con delega allo sport Valentina Vezzali.
"Un salasso che colpirà famiglie e lavoratori e che potrebbe mettere a rischio il mondo dello sport locale, già duramente colpito dai due anni di pandemia - ha sottolineato Guccione - per le piscine, in particolar modo, rischia di diventare un qualcosa di davvero insostenibile".
"Ringraziamo la sottosegretaria Vezzali che si è resa subito disponibile - ha aggiunto - c'è bisogno di azioni efficaci e immediate e siamo certi che il Governo saprà individuare le soluzioni migliori per sostenere il mondo dello sport nei tempi più rapidi possibili".
"Gli impianti sportivi e in particolare le piscine – ha ricordato Guccione - sono state tra le prime attività a subire drastiche restrizioni e lunghe chiusure forzate a causa dell’emergenza sanitaria e ora, con l’aumento esponenziale del costo delle utenze, la situazione ha assunto contorni drammatici per i gestori e per le amministrazioni. L’intero settore è fondamentale e strategico per lo sport, per il mantenimento di corretti stili di vita, per la prevenzione delle patologie, per la riabilitazione, ma questi impianti sono logicamente energivori per l’attività che viene svolta. Senza ristori immediati, il settore rischia il fallimento".
"Tra le proposte già fatte oggi - ha concluso - una nuova estensione delle concessioni e l'ampliamento del superbonus 110% all'intero impianto sportivo e non solo spogliatoi. Nei prossimi giorni proseguiremo gli incontri con i colleghi delle altre città per definirne altre da presentare al Governo". 

Lascia il tuo commento
commenti