Rinasce grazie ai cittadini il tabernacolo di via del Porcellana

Il restauro grazie alla donazione di un privato cittadino con Art Bonus. Bettini: "Cittadinanza attiva, cura e decoro degli spazi urbani e amore per l'arte e per il bello".

Società
visibility14 - mercoledì 27 ottobre 2021
di Redazione
Più informazioni su
il tabernacolo restaurato
il tabernacolo restaurato © ufficio stampa

Nuova vita per il tabernacolo di via del Porcellana grazie a un regalo speciale, quello della signora Nancy Pelatti al marito Mauro per il suo ottantesimo compleanno, nel segno dell’amore per l’arte e per Firenze.

È con questo scopo, infatti, che la donna si è rivolta all’ufficio del Servizio Belle Arti del Comune di Firenze proponendo una donazione per il restauro di un’opera d’arte.
La scelta è ricaduta proprio su questo tabernacolo, situato all’angolo dell’edificio che ospita la sede dei Servizi di Sicurezza Sociale del Comune, e in cui si trova un affresco trecentesco della scuola di Taddeo Gaddi, raffigurante la Madonna col Bambino, Sant’Antonio abate, San Giovanni Evangelista e il committente.

L'affresco è conservato all'interno di un'edicola in pietra serena, è uno dei pochi rimasti ‘in situ’ dopo l’alluvione del ‘66. La donazione, di circa 9mila euro, utile a coprire i costi dell'intervento, è avvenuta in regime di Art Bonus. I lavori sono stati seguiti dal Comune, Servizio Belle Arti, sotto l'alta sorveglianza della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e per le province di Pistoia e Prato.
Il manufatto restaurato è stato inaugurato nei giorni scorsi con il vicepresidente dell’associazione Amici dei Musei e dei Monumenti fiorentini Roberto Santini, i volontari del comitato per il decoro e il restauro dei tabernacoli, i tecnici del servizio Belle Arti del Comune e padre Graziano Lezziero parroco di santa Maria Novella.

“Generosità, cittadinanza attiva, amore per la propria città e per l’arte e la cultura: c’è tutto questo nel gesto di Nancy e Mauro Pelatti", è il commento della vicesindaca Alessia Bettini che afferma: "La cultura della donazione, il prendersi cura di ciò che è collettivo, il senso del ‘nostro’, si stanno diffondendo in maniera sempre più rilevante, la pandemia ha rappresentato un momento duro e complicato ma ha anche fatto emergere come il senso di comunità sia la chiave di volta per uscire dalle difficoltà. Poter donare a suo marito qualcosa di bello è stato per Nancy non solo un atto d’amore verso il suo compagno di vita, ma un atto d’amore per Firenze, portato avanti con grande orgoglio, quello di poter dare, condividere e partecipare. Per tutto ciò, non possiamo che ringraziare loro e tutti quanti dimostrano, con piccoli e grandi gesti, di voler bene alla nostra città”.

Il tabernacolo su via del Porcellana fu probabilmente commissionato alla metà del Trecento da fra’ Guccio Aghinelli (altrove Ghinetti o Aghinetti), canonico della famiglia Del Porcellana, per anni importante ed eccellente amministratore dell’antico Spedale dei Michi: da allora sia la strada (in precedenza via dello Spedale dei Michi) sia l’ospedale presero a chiamarsi del Porcellana.

L’intervento di restauro ha previsto la spolveratura delle superfici pittoriche, il consolidamento degli strati di supporto e della pellicola pittorica sollevata, la stuccatura di fessurazioni di piccole dimensioni, poi reintegrate cromaticamente. I lavori hanno interessato anche la parte lapidea del tabernacolo in pietra serena, più esposta al degrado. Sono state effettuate operazioni di spolveratura dei sedimenti di varia natura, seguite dalla messa in sicurezza delle parti a rischio di caduta. Le operazioni di consolidamento e ricostruzione del manufatto si sono concentrate sul timpano del tabernacolo, dove pioggia e usura avevano creato fessurazioni e distacchi delle cornici più aggettanti. Le fessurazioni sono state riempite, tutte le superfici lapidee sono state pulite e la pietra è stata consolidata e protetta superficialmente.

Lascia il tuo commento
commenti