My Hands: la moda fiorentina torna in scena con il video-racconto delle cose ben fatte

Ad un anno dal lancio del fashion film Timeless, CNA e Comune di Firenze continuano a promuovere l’artigianato, la città e la loro bellezza senza tempo. L’invito ai giovani: per il vostro futuro, guardate ai mestieri della moda.

Società
visibility27 - venerdì 13 maggio 2022
di redazione
artigianato in un film
artigianato in un film © ufficio stampa

Il racconto dell’anima che si trova dietro ad un prodotto artigianale, delle competenze che ne garantiscono la realizzazione, del ruolo fondamentale delle maestranze nelle diverse fasi della lavorazione. In altre parole, il racconto delle cose ben fatte e delle mani, abili e esperte, degli artigiani fiorentini che le realizzano.

 È questo “My Hands”, il secondo capitolo di Timeless, il progetto di comunicazione, nato dagli artigiani per gli artigiani, che promuove, con modalità originali, l’artigianato, cercando al contempo di avvicinare i più giovani ai mestieri della filiera moda.

Si tratta di un video, prodotto da CNA Federmoda Firenze con il contributo del Comune di Firenze, che racconta, esaltandolo, tanto il prodotto artigianale (quello autentico, unico, emblema del Made in Italy), quanto le competenze degli artigiani che gli danno vita, portandoli dal retroscena alla ribalta.

“Ci siamo chiesti cosa potesse essere utile alle aziende di moda in un momento così delicato e fin da subito è stata chiara per tutti noi la necessità di comunicare la nostra esperienza come artigiani. Vogliamo far conoscere quante competenze diverse stanno alle spalle della produzione di capi unici e preziosi e mostrare le emozioni che ogni giorno ci spingono a continuare, con dedizione e perseveranza, il nostro lavoro. La buona accoglienza del primo fashion film, presentato un anno fa, ci conferma che siamo nella giusta direzione” spiega Agnese Fazolo, presidente di CNA Federmoda Firenze.

“Un cortometraggio realizzato per valorizzare tutto ciò che nella città di Firenze viene fatto a mano - ha detto l’assessore al Turismo Cecilia Del Re - nel settore del tessile e in tutto il settore della moda. Un progetto realizzato grazie al bando ‘Firenze insolita’ dell’assessorato al Turismo, che abbiamo voluto sostenere perché racconta un settore che fa parte dell’identità e della storia di Firenze, non solo passata ma anche presente. Un video girato all’interno di una scuola attiva nel centro storico, che porta avanti lavorazioni di eccellenza con maestri artigiani: una bellissima testimonianza di quello che Firenze è stata, è e sarà, attraverso cui vogliamo invitare tutti gli studenti a venire a Firenze a imparare l’arte del fatto a mano”.

My Hands racconta l’esperienza di una giovane coppia che, casualmente, grazie ad un semplice link, si trova catapultata, con un divertente gioco di sliding doors, in un universo, fino a quel momento per loro parallelo, eppure inaspettatamente concreto e reale: l’artigianato. Un mondo in cui tradizione, cultura, emozione, innovazione e memoria vanno di pari passo.

Come Timeless, anche MY Hands è frutto del lavoro di squadra di un pool di artigiani ed imprese del settore guidati da Tiziana Trillo, coordinatore di CNA Federmoda Firenze, che si è messo a disposizione dell’intera filiera, per continuare a dare vita a campagne di comunicazione collettive, che parlino, piuttosto che per il singolo, per l’intero comparto moda.

Un settore che, in base ai dati della Camera di Commercio, conta nella Città Metropolitana di Firenze 5.897 imprese attive (per il 60% nella pelletteria, per il 34% nell’abbigliamento e per il 6% nel tessile) che danno lavoro a 43.899 addetti. Un comparto in cui l’artigianato la fa da padrone rappresentando il 61% delle imprese esistenti e dando lavoro al 34% degli addetti. My Hands intende sostenerlo e implementarlo, invitando i giovani a sceglierlo per il loro futuro.

 “Un settore variegato, ricco di molti e diversi mestieri che fanno perno, da sempre, tanto sulla tradizione che sulle nuove tecnologie che ne accompagnano costantemente il cambiamento e l’evoluzione - prosegue Fazolo - La formazione dei giovani è per noi un tema sempre più all’odine del giorno, vista la crescente carenza di mano d’opera specializzata in tutti i settori della filiera moda. E questo video vuole proprio porre l’attenzione anche sulla crucialità del passaggio delle competenze e del saper fare dalle mani esperte degli artigiani di oggi a quelle dei giovani che lo diventeranno in futuro”.

Lascia il tuo commento
commenti