Chiara Ferragni dopo gli Uffizi va a Roma a Palazzo Borghese e scoppia ancora la polemica

Dopo il caso di luglio con il selfie dell’influencer davanti alla Venere di Botticelli ieri la sua presenza in uno dei musei principali di Roma ha fatto di nuovo discutere

Società
visibility38 - mercoledì 02 settembre 2020
di Nadia Fondelli
Più informazioni su
Chiara Ferragni in visita a Roma
Chiara Ferragni in visita a Roma © n.c.

Dopo il contestato selfie di luglio e la foto in posa col direttore Eike Smidht alle Gallerie degli Uffizi davanti alla Venere di Sandro Bottticelli ieri la famosa influencer Chiara Ferragni capace a Firenze di fare balzare le visite dei giovani agli Uffizi del +28% in una settimana ha visitato la Galleria nazionale d'arte antica Palazzo Barberini Corsini a Roma che, per evitare il ripetersi della gogna social ha dato notizia ufficiale della visita della Ferragni sui propri canali Instagram e Facebook scrivendo: “si scateneranno polemiche? Lei è Chiara Ferragni e ha scelto di visitare Palazzo Barberini per scoprire uno dei più importanti musei romani. E voi quando verrete a scoprire le nostre meraviglie?”.

E le polemiche sono presto giunte! Le foto che la nota influencer ha pubblicato sui suoi profili e che la immortala accanto alla Giuditta e Oloferne di Caravaggio e all’ Amor Sacro e Amor Profano di Giovanni Baglione, sono state presto "aggredite" dai leoni da tastiera con commenti quali: marchetta pubblicitaria ; ringrazio gli Uffizi, i Musei Vaticani e le gallerie Barberini Corsini per avermi fatto conoscere Chiara Ferragni, non avevo idea di chi fosse; triste pensare che le persone debbano essere stimolate in questo modo" ma non sono mancati neanche i commenti positivi come "la sua visita porterà sicuramente nuovi visitatori alle Gallerie. Mi pare un fatto molto positivo" oppure "ritengo bellissimo vedere la Ferragni provare interesse per uno dei Musei più belli di Roma".

C'è poco da fare la ditta Ferragniz funziona e alla faccia di chi storge la bocca, i direttori delle gallerie avranno capito dopo la performance degli Uffizi che rimpinguare le vuote casse dei musei con un boom di visitatori di questi tempi è importante...anche se la conoscenza del museo e la sua visita arriva tramite canali non convenzionali.

Lascia il tuo commento
commenti