OK!Firenze

Presidio a Barberino. Comunità in difesa del servizio di primo soccorso

Dal 2021, Ora!Barberino denuncia le criticità legate alla vastità del territorio di Barberino, che non è prossimo né all'ospedale del Mugello...

  • 73
il 11 luglio alle ore 17:30
Un taglio della locandina dell'evento Un taglio della locandina dell'evento © Ora!Barberino
Font +:
Stampa Commenta

Domani, giovedì 11 luglio alle ore 17.30, si terrà un presidio davanti alla Pubblica Assistenza Bouturlin di Barberino, organizzato da Ora!Barberino, per esprimere un deciso dissenso contro la decisione, considerata disastrosa, di dismettere i medici sulle ambulanze e il punto di primo soccorso.

Dal 2021, Ora!Barberino denuncia le criticità legate alla vastità del territorio di Barberino, che non è prossimo né all'ospedale del Mugello né agli ospedali fiorentini. Il comune di Barberino deve far fronte non solo alle esigenze dei residenti, ma anche a un flusso continuo di persone che non sono conteggiate nei parametri utilizzati dalla Regione Toscana per la "riorganizzazione" del servizio sanitario.

Il territorio comprende un tratto autostradale tra i più trafficati e pericolosi d'Italia, un outlet con 3 milioni di visitatori annui, il lago di Bilancino che attira numerosi turisti e pericolosi passi appenninici. Questi fattori rendono imprescindibile la presenza di un servizio di primo soccorso e di emergenza/urgenza efficiente per garantire la sicurezza e il benessere sia dei cittadini che dei turisti.

Il presidio mira a sensibilizzare e coinvolgere la comunità locale e le istituzioni. Sono stati invitati a partecipare tutte le amministrazioni comunali della zona, i sindacati, i partiti politici solidali con la causa e, soprattutto, i cittadini di Barberino, che hanno il diritto e il dovere di manifestare per la tutela del loro diritto alla salute.

L'appuntamento è per domani alle 17.30 presso la Pubblica Assistenza Bouturlin. La partecipazione di massa è fondamentale per far sentire la voce della comunità e per difendere un servizio sanitario essenziale.

Lascia un commento
stai rispondendo a