OK!Firenze

Commemorazione dell'Eccidio di Crespino del Lamone e Fantino: 79 anni di memoria e rievocazione

La storia ci ricorda che furono 44 i civili inermi che i militari tedeschi trucidarono nel 1944.

  • 316
Il Sacrario Ossario di Crespino sul Lamone, opera  delProf. Mario Bini di Borgo San Lorenzo  Il Sacrario Ossario di Crespino sul Lamone, opera  delProf. Mario Bini di Borgo San Lorenzo  © AG
Font +:
Stampa Commenta

 Quest’anno ricorre il 79° anniversario dell’eccidio di Crespino del Lamone e Fantino, anniversario che verrà celebrato e commemorato domenica prossima 23 luglio 2023. La storia ci ricorda che furono 44 i civili inermi che i militari tedeschi trucidarono nel 1944, a causa di una feroce rappresaglia, dopo l’uccisione di quattro soldati tedeschi da parte dei partigiani locali. I loro resti, da allora, riposano all’interno del sacrario-ossario, (progettato del Prof. Mario Bini di Borgo San Lorenzo), eretto nella frazione marradese, proprio sulla battigia del Lamone, in ricordo di una triste e dolorosa pagina di storia che sarà rievocata domenica con la commemorazione delle vittime. Le celebrazioni della ,“Giornate della Memoria”, sono promosse dal comitato onoranze caduti civili Crespino-Fantino col Comune di Marradi (insignito nel 1991 della medaglia d’oro al merito civile), Comune di Palazzuolo, Regione Toscana e Anfim Toscana.

Dopo il raduno, alle 9,30 in piazza don Trioschi di tutte le autorità civili, amministrative, religiose e militari, associazioni, con i relativi gonfaloni, labari e gagliardetti,  si formerà  il corteo che raggiungerà il monumento ossario con il rito dell’alzabandiera. Alle 10,15 ci saranno gli interventi del presidente del comitato Onorcaduti Irene Alpi e del sindaco di Marradi Tommaso Triberti, del Colonnello Fancesco Sardone, direttore del mausoleo delle Fosse Ardeatine, dell’On. David Ermini ed infine del Dott. Giuseppe Matulli, presidente dell’istituto storico toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea. Alle ore 11, verrà celebrata  la Santa Messa dal Vescovo di Faenza e Modigliana Mons. Mario Toso. Durante la cerimonia presterà servizio il Corpo Bandistico di Popolano “L. Fabbri”. Tutta la cittadinanza è gentilmente invitata. 

 

 

 

Lascia un commento
stai rispondendo a