OK!Firenze

Vicchio - L'associazione OLTRE critica la scelta dell'installazione delle tende per l'ospitalità dei profughi nel campeggio del paese

La decisione dell'ospitalità in tenda, si differenzia rispetto agli altri comuni fermamente contrari a questa possibilità.

  • 340
le tende al campeggio le tende al campeggio © N. c.
Font +:
Stampa Commenta

L’associazione “Oltre. Ponte tra i mondi” di Vicchio critica fortemente la decisione dell'istallazione delle due tende nel  campeggio di Vicchio che  prossimamente ospiteranno dai richiedenti asilo. Dal Comune di Vicchio, per ora nessun commento o nota ufficiale sull'argomento. 

“Ieri, senza alcun preavviso e senza aver avuto la possibilità di trovare soluzioni alternative dignitose, la Prefettura di Firenze ha fatto installare all’interno del campeggio delle piscine di Vicchio due tende per accogliere 17 migranti in attesa di una ricollocazione in una struttura a Firenze.

Questo è il risultato di una politica dissennata che il Governo sta perseguendo dal suo insediamento e il ministro Salvini promette di rendere ancora più difficile l’accoglienza e la permanenza dei migranti nel nostro Paese.

Nella situazione cosiddetta di “estrema emergenza” di oggi, di fronte al rifiuto della maggior parte dei sindaci dell’Unione Montana dei comuni del Mugello di offrire un’alternativa al campeggio, la scelta di accogliere a Vicchio una tenda per 3/4 giorni per dare ricovero a 17 persone rischia di aprire la strada ad altre ulteriori successive “emergenze”.

Per questo riteniamo che, allorquando questo piccolo gruppo di richiedenti asilo sarà collocato – come promesso dalla Prefettura – in una situazione dignitosa e stabile, le tende piazzate oggi vadano rimosse. La collocazione nelle tende, soluzione peraltro esclusa dalla stessa Regione Toscana, non è compatibile con condizioni di vita dignitose; e solo una posizione ferma dei sindaci, possibilmente uniti tra loro, può contrastare la deriva governativa sprezzante sia nei confronti dei migranti che dei territori.

Riteniamo peraltro che il sistema dell’Accoglienza diffusa – non le tendopoli o la paventata “inversione dell’onere della prova” per i richiedenti asilo minorenni o i Centri per il Rimpatrio – vada nella direzione di una corretta e umana accoglienza per chi fugge da situazioni di guerre e fame di cui la “civiltà occidentale” è direttamente o indirettamente responsabile.

Lascia un commento
stai rispondendo a