San Jacopino, il Comitato dei cittadini preoccupato per spaccio e violazioni regole anti Covid

I cittadini di San Jacopino preoccupati nonostante il lavoro delle Forze dell'ordine e del Comune. Servono interventi più incisivi?

Cronaca
visibility26 - sabato 17 ottobre 2020
di Redazione
Più informazioni su
I segni dell'uso del crack in zona
I segni dell'uso del crack in zona © Comitato Cittadini attivi San Jacopino

Il Comitato cittadini attivi San Jacopino denuncia la sua preoccupazione per lo spaccio sempre più frequente in zona nonostante l'ottimo lavoro delle forze dell'ordine.

Arriva il crack fra le vie e la piazza della zona e i pusher aggirano l'ostacolo della presenza delle forze dell'ordine ascondendosi nelle strade più buie grazie al supporto di "galoppini" e "pali" che vigilano in attesa dell'affare.

La violazione delle regole per il contenimento della pandemia è quotidiana (uso della mascherina e distanziamento sociale) e lo spaccio è sempre molto diffuso anche sotto l'occhio dei cittadini di viale Redi che assistono a strani maneggi fra le siepi.

Preoccupa molto soprattutto il ritrovamento di materiale dedito al consumo di crack come bottigliette con stagnola, cannucce e siringhe sotto il marciapiede, o scritte come “bianca e amara".

"La prevenzione e i controlli delle forze dell'ordine sono tangibili - racconta a nome il Presidente del comitato Simone Gianfaldoni - specialmente dal tardo pomeriggio e sono in corso anche interventi dell'Amministrazione che ringraziamo, ma come i controlli si allentano i malintenzionati e gli spacciatori ritornano vanificando il buon lavoro fatto da tutti".




Lascia il tuo commento
commenti