L’affondo di Nardella: la Lega vuole disintegrare la Toscana

A margine della presentazione di “Artigianato e Palazzo” il sindaco attacca duramente il Carroccio: “Contro questo programma serve una Regione che metta al centro il lavoro, la sanità, l’ambiente. In gioco ci sono i nostri valori”

Politica
visibility45 - mercoledì 16 settembre 2020
di Redazione
Più informazioni su
Dario Nardella oggi
Dario Nardella oggi © questioni cascate

“Il programma della Lega è quello di disintegrare la Toscana”. A margine della presentazione questa mattina al Giardino Corsini della XXVI edizione di “Artigianato e Palazzo” il sindaco Dario Nardella attacca duramente il Carroccio.

E a soli quattro giorni ormai dalla consultazione elettorale per le regionali di domenica e lunedì non si dice preoccupato per l’esito finale delle votazioni perché sente “una grande voglia di vittoria” in quanto “il popolo del centrosinistra, il popolo toscano si è risvegliato in questi ultimi giorni” perché si è reso conto di quale sia veramente il disegno del Carroccio.

“La Lega in Toscana – continua ancora – si presenta in questi giorni come un lupo travestito da agnello. In realtà il loro vero programma nascosto è quello di disintegrare la Toscana, di distruggere tutto quello che in 50 anni la Toscana ha costruito, di trasformare il modello sanitario toscano in un modello completamente privato scaricando sui cittadini i costi di tutto il sistema sanitario e di fare qualunque cosa che possa cancellare l’operato dei governi di sinistra e di centrosinistra di questi 50 anni. E’ un programma di distruzione”.

Contro questo programma secondo Nardella occorre invece “un progetto di costruzione di una Toscana che metta ora più che mai al centro il lavoro, l’ambiente, la sanità. Non è in gioco soltanto la Giunta o il Consiglio Regionale. E’ in gioco la nostra identità, i nostri valori che sono stati conquistati con sacrificio e fatica: è in gioco anche la forza e la credibilità di tutto il centrosinistra in tutto il Paese.



Lascia il tuo commento
commenti