OK!Firenze

Dall’impegno alla parità di genere. Il prossimo incontro di Gener-azioni è il 3 dicembre.

Alla Biblioteca di Vicchio si presenta “Non è un Paese per madri”

  • 87
il 3 dicembre 2022 alle ore 17:00
Una foto dell’iniziativa Una foto dell’iniziativa © N.c.
Font +:
Stampa Commenta

VICCHIO – Gener-azioni, la rassegna basata sullo scambio generazionale promossa da Udel e Pensatoio, prosegue senza sosta. Sabato scorso ha visto protagonista a Scarperia Riccardo Nencini e il suo romanzo storico “Solo”, su Giacomo Matteotti, figura emarginata dagli avversari e dai compangni, ragion per cui si è discusso del tema dell’impegno civile che, nel caso di Matteotti e di tanti altri rimasti appunto soli, non è venuto meno neppure quando tutti i venti hanno soffiato contro le idee di giustizia, legittimità e coerenza.

Con i saluti istituzionali di Loretta Ciani per il Comune di Scarperia e San Piero e Stefano Passiatore per l’Unione dei Comuni, dopo l’introduzione di Fiorenza Giovanni per Udel, Nencini si è ben districato fra le domande dei giovani Leonardo Becchi e Caterina Tortoli. Sebbene sia ormai un testo conosciuto per il territorio, anche questa presentazione ha visto una discreta affluenza e una partecipazione attiva da parte del pubblico.

Il prossimo appuntamento sarà sabato 3 dicembre alle 17.00 alla Biblioteca di Vicchio con “Non è un Paese per madri” di Alessandra Minello, ricercatrice di Demografia all’Università di Padova ed esperta delle Scienze di Genere. Anche questa volta un libro di grande spessore, in cui l’autrice riesce a condensare in meno di duecento pagine, una serie di interessanti riflessioni circa il ruolo della maternità in Italia, divario salariale tra maschi e femmine, pregiudizi di genere e tanti temi legati alle pari opportunità. Sarà un’occasione importante, anche a pochi giorni di distanza dalla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, per ragionare su quanto ci sia ancora da fare per un mondo più giusto che preveda la possibilità per le donne di non scendere a compromessi perché schiacciate da pressioni sociali. :

Lascia un commento
stai rispondendo a